Dopo le arringhe dei legali la corte si ritira

Per l’avvocato della Apple Harold McElhinny, la società  sudcoreana ha copiata spudoratamente le funzionalità  e le tecniche d’uso dell’iPhone di alcuni funzioni dell’iPad. Charles Verhoeven ha invece sostenuto che i progettisti del Galaxy e del mini tablet della Sansumg si sono ispirati ai manufatti tecnologici della Apple, ma che le tecniche, il software è stato sviluppato autonomamente dalla società  coreana e dal laboratorio di ricerca della Mitsubishi su commissione della Samsung. Dunque nessuna violazione delle leggi sui brevetti, come invece sostiene il legale della Apple. 
La parola passa quindi alla giuria, che si è presa una settimana per approfondire i materiali documentali presentate dalle due società . Una settimana per decidere se la Samsung dovrà  pagare l’ammontare dei danni stimati dalla Apple (2,5 miliardi di dollari) o di fissare l’ammontare a una cifra minore, che influirà  comunque sul bilancio della società  sudcoreana.
Il processo ha attirato l’attenzione per le implicazioni della sentenza. Se la corte del tribunale di San Josè in California darà  ragione alla Samsung, ad essere colpita è la politica della Apple sulla proprietà  intellettuale, mettendo in discussione la validità  dei suoi brevetti depositati. Ma se la sentenza punirà  la Samsung è l’intero mercato degli smartphone ad essere terremotato. Viene ridimensionata la quota di mercato detenuta dalla Samsung, ma anche le sue collaborazioni, in particolare quella con Google, il diretto concorrente della Apple. 
Ma sullo sfondo del tribunale di San José ci sono ben altri fondali oltre la contesa tra due imprese. In primo luogo, la capacità  dell’industria hi-tech statunitense di funzionare come locomotiva di una economia nazionale quasi stagnante. Da ricordare il flop della entrata in borsa di facebook – è di ieri la notizia che il boss di PayPal, Peter Thiel, uno dei grossi azionisti del social network ha deciso di mettere in vendita 20 milioni di azioni – e i profitti risicati di Microsoft , segnali di un settore in forte difficoltà . Ma oltre a ciò c’è l’emergere di altri protagonisti, che parlano cinese invece che l’inglese.


Related Articles

Dal libro al vestito l’usato è un affare “Il mercatino non imbarazza più”

La tendenza. Il nuovo boom del riuso in Italia Con un giro d’affari da diciotto miliardi l’anno

E in Italia il sorpasso delle rinnovabili

Ad aprile consumi e domanda delle fonti rinnovabili hanno raggiunto le altre. Tirano idroelettrico e eolico

Trema la terra, a L’Aquila torna la paura

Molte le scosse negli ultimi giorni, la città  si svuota. L’Ingv: alto rischio fino a domani.   Si allestiscono tensostrutture e tende nell’Alta Valle dell’Aterno, pronte per l’emergenza 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment