Istat: la disoccupazione non scende. Ferma al 10,7%, top dal 1999

Il tasso di occupazione e’ pari al 57,1% e non segna variazioni ne’ in termini congiunturali ne’ su base annua. Lo rileva l’Istat. Il numero dei disoccupati, pari a 2 milioni e 764 mila, registra un lieve calo dello 0,1% rispetto a giugno. Su base annua le persone in cerca di occupazione aumentano del 33,6% (695 mila unita’). Il tasso di disoccupazione si attesta al 10,7%, invariato rispetto a giugno (comunque al top dal 2004, ndr) e in aumento di 2,5 punti percentuali su base annua. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, ovvero l’incidenza dei disoccupati sul totale degli attivi, e’ pari al 35,3%, in aumento di 1,3 punti percentuali rispetto a giugno e di 7,4 punti nei dodici mesi. Tra i 15-24enni le persone in cerca di lavoro sono 618 mila e rappresentano il 10,2% della popolazione in questa fascia d’eta’. Gli inattivi tra 15 e 64 anni diminuiscono dello 0,2% rispetto al mese precedente. Il tasso di inattivita’ e’ pari al 36%, in calo di 0,1 punti percentuali rispetto a giugno. Nel II trimestre del 2012, stando ai dati diffusi oggi dall’Istat, il numero dei disoccupati manifesta un ulteriore forte aumento su base tendenziale (+38,9%, pari a 758.000 unita’), portandosi a 2 milioni e 705.000 unita’. Circa la meta’ dell’aumento della disoccupazione e’ alimentato dalle persone con almeno 35 anni. La crescita interessa tutto il territorio ed e’ dovuta in sei ogni dieci casi a quanti hanno perso la precedente occupazione. Il tasso di disoccupazione (dati grezzi) e’ pari al 10,5% (record dal 1999, ndr), in crescita di 2,7 punti percentuali rispetto a un anno prima; l’indicatore passa dal 6,9% del secondo trimestre 2011 al 9,8% per gli uomini e dal 9% all’11,4% per le donne. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni sale dal 27,4% del secondo trimestre 2011 al 33,9% (il massimo dal 1993, ndr), con un picco del 48% per le giovani donne del Mezzogiorno. (DIRE) © Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Se i numeri spiegano il mondo

Il mondo in cifre 2012, la densissima e smilza guida annuale dell’Economist, tradotta da Internazionale (Fusi Orari) ci mostra, se ce ne fosse bisogno, come non sia più tempo per il classico pregiudizio umanistico nei confronti delle piogge di dati.

Indice Communitas n. 47 – Diritti Globali

Communitas n. 47

 

Diritti Globali. Sintesi Rapporto 2010

Università, anatomia di un delitto scellerato

Università. Il rapporto Anvur 2013 certifica il disastro dei tagli Gelmini e il fallimento del «3+2». Ultimatum del ministro dell’Istruzione Stefania Giannini (Scelta Civica) al premier Renzi: «Più fondi agli atenei altrimenti il governo avrà un problema politico»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment