Slitta a fine agosto l’asta Unipol-Fonsai alle banche del consorzio fino al 20%

MILANO â€” L’asta da 660 milioni di euro in azioni inoptate di Fonsai e di Unipol slitta verso fine mese. Troppo tortuoso partire domani e interrompere due volte, tra weekend e il Ferragosto, i cinque giorni di mercato relativi. E poco convenienti i prezzi di Borsa, dove si scambia a 1,86 euro (+1,1%) l’azione Unipol che il consorzio di ricapitalizzazione vorrebbe vedere “optata” a 2 euro, e a 0,95 euro (+1,6%) la Fonsai da optare a 1 euro.
Una situazione complessa per i banchieri d’affari del pool, le cui laute commissioni potrebbero a fine operazione venire mangiate dalle perdite sui titoli rimasti in pancia. Nella confecence call di ieri con Mediobanca, Unicredit, Credit Suisse, Barclays, Nomura, Deutsche Bank, Ubs garanti del doppio consorzio, è stato quindi deciso di rimandare l’asta dei diritti non sottoscritti (pari al 32% per la compagnia dei Ligresti e al 27% per i compratori bolognesi). Si dovrebbe partire lunedì 20, o più probabilmente lunedì 27 agosto. Ma anche una settimana più lineare della prossima non farà  vendere tutte le azioni avanzate; i collocatori hanno l’obiettivo di piazzare in asta un altro 10% delle ricapitalizzazioni da complessivi 2,2 miliardi, facendo salire all’80% circa le sottoscrizioni, e scendere sui 500 milioni il peso dell’inoptato. A quel punto, secondo gli accordi, resteranno 125 milioni di accollo per uno tra Mediobanca e Unicredit, e circa 50 milioni a testa per le cinque banche straniere. Il
rischio di perdite è sensibile, tanto che qualche banchiere d’affari è tornato dalle ferie, o non c’è andato. La speranza è che il rally di Borsa continui, agevolando le sottoscrizioni della prossima asta. E che si diradino le incognite regolamentari – la Consob potrebbe limitare a Premafin l’Opa obbligatoria, nel caso fosse provato il patto tra Mediobanca e i Ligresti – e giudiziarie (ma solo a settembre si prevedono aggiornamenti dalla procura milanese che indaga sulla vicenda). In tal caso sarebbe più facile vendere agli investitori il polo nascente, anche perché sui multipli quota a sole tre volte gli utili 2013, contro le 7,5 del comparto assicurativo europeo.
I banchieri sondano possibili compratori, nuovi e meno nuovi. L’ipotesi di cedere a fermo parte dei titoli inoptati non è remota, Anche ad asta finita, quando l’accollo si concretizzerà . Tra i candidati al dossier ci sarebbero il fondo globale Blackrock, e i fondi hedge Amber (già  socio sotto il 2% di Fonsai) e Algebris. Si chiama già  fuori il finanziere Raffaele Mincione, che aveva raccolto parte dell’inoptato su Bpm. Molto dipenderà  dallo sconto che le banche saranno disposte a riconoscere: depurato delle commissioni incassate, il punto di indifferenza per le cinque straniere è 0,88 euro sul titolo Fonsai, un po’ più alto per Mediobanca e Unicredit. Basterà  a convincere i compratori opportunisti? Sul fronte industriale, intanto, è fissato stamattina a Milano l’incontro tra una delegazione di Unipol guidata dall’ad Carlo Cimbri e la prima linea dei dirigenti Fonsai, cui sarà  illustrata l’agenda dell’integrazione. Difficile, però, che Cimbri si avvalga di manager dei Ligresti per la futura prima linea: il comitato direttivo del polo nascente sarebbe composto di 8 membri, sette targati Unipol e il solo Emanuele Erbetta da Fonsai.


Related Articles

La battaglia di Padoan sui calcoli europei Si tenta la strada delle misure espansive

Il Tesoro contesta i metodi usati dalla Commissione per valutare il bilancio. Pronto un dossier tecnico arricchito dalle analisi della Bundesbank

Gli Emirati fanno shopping tra comandanti e piloti Alitalia

 In 150 sono emigrati nel Golfo attratti da alti stipendi e benefit  

OCSE. La ripresa contagia il mondo ma cresce anche il rischio bolla

Secondo l’Ocse le 45 economie più grandi chiuderanno il 2017 in positivo Non succedeva da dieci anni. Ora il pericolo è una nuova bolla speculativa

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment