DEGRADO UMANO

Sarà  difficile in futuro raggiungere il grado di miseria culturale, di degrado umano che emerge da questa storiaccia della destra laziale. Non è l’unico caso di utilizzo privato di finanziamenti pubblici, dell’accumulo e sperpero a fini personali. Le paghette del «trota» e gli stessi accaparramenti del tesoriere dell’ex Margherita fanno parte dello stesso campionario. Così come, tutti insieme, stanno a segnalare quanto agonico e decomposto sia ogni simulacro istituzionale.
Ma con quale credibilità  la presidente Polverini oggi rivendica la sua estraneità  al malaffare, quando proprio grazie ai capi bastone di Tuscia e Ciociaria, ai Battistoni, ai Fiorito e a tutti gli altri, si è garantita in questi anni la tenuta della sua giunta di assessori improvvisati, la sua compagnia di giro, di consulenti, collaboratori, amici e compari? Fa bene ad andarsene (sempre che lo faccia davvero), ma per favore ci risparmi il suo indignato stupore. Forse non conosceva chi le era capitato di accogliere in consiglio regionale? Non sapeva con chi avrebbe dovuto lavorare, concordare leggi e delibere, stabilire patti e accordi politici? Le sfuggiva forse che la destra, a Roma e nel Lazio, è popolata da personaggi discutibili, peracottari e faccendieri vari?
Le sue dimissioni sono un gesto di dignità  personale e politica, ma non certo un atto di eroismo istituzionale. La sua breve esperienza, ancor prima dello squallido sconquasso nel gruppo consiliare Pdl, si era distinta per diverse scelleratezze, dalla sanità  all’urbanistica, dal piano casa alla macelleria sociale. In un territorio flagellato dalla crisi, con centinaia di vertenze, cassa integrazione a ciclo continuo, licenziamenti a raffica, il tutto in assenza di politiche economiche regionali, strategie anticicliche, programma di ripresa e rilancio.
Renata Polverini se ne sta andando risucchiata nello stesso gorgo di Fiorito e gli altri, ma la sua crisi, la sua sconfitta sono nel fallimento delle politiche di destra, nel Lazio come a Roma. E’ una stagione ormai al tramonto, quella che si sta intrecciando tra la Regione Lazio e il comune di Roma, e che vede la presidente e il sindaco penosamente affiancati nella loro rabbiosa ritirata politica.
E pensare che cinicamente c’è già  chi va ipotizzando un giro di valzer tra i due. Si candidi Renata in Campidoglio e vada Gianni dove meglio ritiene.


Related Articles

Colle, Gabanelli prima scelta M5S Grillo: “Il Pd la voti, poi vediamo

E se si ritira, Rodotà  è perfetto” Il Movimento 5Stelle “Bersani dica sì all’incandidabilità  di Berlusconi” 

Senato, le quattro regioni dove il Centrosinistra si gioca la maggioranza

Accordo Pdl-Lombardo, Cosentino candidato.  Oltre a Pd, Pdl e Monti, possono superare la soglia dell’8% prevista Grillo e Ingroia. Berlusconi si apparenterà  anche con Samorì. Mastella corre da solo con l’Udeur 

Un Ulisse che sta con i feriti dalla crisi senza demagogie

CARO Pierluigi Bersani, come va? Mi auguro che lei vinca queste primarie. Poi, proverbialmente affidabile com’è, dovrà  guardarsi anche un po’ da se stesso.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment