Chi vende più armi ai paesi emergenti?

La fornitura di armi ai paesi in via di sviluppo ha raggiunto l’anno scorso il livello più alto dal 2004: ne sono state vendute per 28 miliardi di dollari, circa il 60 per cento delle vendite totali. I principali fornitori di armi al mondo, come mostra il grafico dell’Economist, sono gli Stati Uniti e la Russia che hanno fornito, insieme, due terzi delle armi in possesso dei paesi in via di sviluppo.

(Perché serve un trattato sulle armi)

Le esportazioni americane sono dirette ormai da anni a una base di paesi stabile, che ordinano armi ogni volta che ci sono aggiornamenti e chiedono ogni anno pezzi di ricambio e assistenza. Il paese a cui sono state vendute più armi l’anno scorso, da parte degli Stati Uniti, è stato l’Arabia Saudita, che rappresenta a oggi il più grande acquirente di armi al mondo: 2,8 miliardi di dollari di armi acquistate. Il più grande acquirente della Russia è stato invece l’India, con un valore di armi acquistate di 2,7 miliardi di dollari.

Foto: LUIS ROBAYO/AFP/GettyImages


Related Articles

Gli Stati Uniti affossano il trattato sulle armi atomiche con la complicità dell’Europa

Anche l’Unione europea ha dato luce verde alla possibile installazione di nuovi missili nucleari Usa in Europa, Italia compresa

Spenta la voce di Raqia, la giornalista libera che osava sfidare l’Isis

«Meglio morire decapitata che vivere umiliata». Uccisa dai fanatici Raqia Hassan Mohammed, trentenne, curda

Medio Oriente, l’incubo di altre guerre Così fallisce la strategia di Obama

Dietro la religione il conflitto è politico e tra petrolio, nucleare e business mette a rischio la coalizione voluta per affrontare il Califfato in Siria e Iraq

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment