In corteo coi parenti, i commessi rivogliono la domenica libera

È la rivolta delle commesse — e dei commessi — di ipermercati e centri commerciali che il 7 ottobre (una domenica) manifesteranno in varie città  d’Italia per dire no alle aperture domenicali introdotte dal governo Monti. Con loro, in piazza, porteranno i parenti, «vittime» anch’essi, seppure in via indiretta, del nuovo orario domenicale che, dicono i manifestanti, divide gli affetti ed entra a gamba tesa nella già  difficile organizzazione familiare di chi lavora nel commercio.
L’iniziativa — che per ora coinvolge Modena, Ferrara, Bologna, Bergamo, Treviso, Pescara e Firenze ma si sta allargando alla Puglia e ancora di più in Veneto ed Emilia-Romagna — si chiama «Parenti domenica no grazie». A organizzare la protesta antiaperture sono i comitati «Domenica no grazie», piccoli gruppi nati spontaneamente in varie regioni (Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto, Puglia, Abruzzo) e cresciuti su Facebook per iniziativa di alcune commesse e titolari di esercizi commerciali.
«Porteremo in piazza i nostri familiari perché sono anche loro parte in causa» spiega Valeria Ferrarini, 46 anni, da 17 commessa in un centro commerciale di Modena, cofondatrice con Gisella Marchetti del comitato antiliberalizzazioni modenese. Il 7 ottobre, a Modena, Valeria scenderà  in piazza con il marito Carlo, al suo fianco nelle attività  del comitato, e con il loro figlio di 8 anni: «Sono i bambini — dice — quelli che soffrono di più di questa situazione». Il gruppo modenese è nato questa primavera: «Nel nostro caso — continua Ferrarini — il decreto sulle liberalizzazioni viene a rompere un equilibrio raggiunto dopo mesi di trattative fra tre grandi centri commerciali cittadini per stabilire una turnazione domenicale». Il problema, spiega, c’è soprattutto per i singoli negozi che sono all’interno dei grandi ipermercati: «Per noi che abbiamo un personale ridotto garantire una turnazione è molto più difficile. E le nuove regole non hanno portato nuove assunzioni». Da qui l’idea del comitato cittadino, che riunisce circa un centinaio di persone e lavora in cordata con gli altri gruppi regionali: «In Toscana hanno cominciato prima di noi e sono più organizzati, per questo ci siamo uniti a loro». Insieme anche nella protesta del 7 di ottobre: «Ma ognuno nella sua città , perché con i turni di lavoro era impossibile riunirci tutti in un solo centro».
A Treviso, invece, la «pasionaria» delle commesse è Tiziana D’Andrea, 42 anni, un figlio: «Le aperture domenicali — scrive sulla sua pagina di Facebook — non hanno creato nuovi posti di lavoro, né fatturato. Hanno solo peggiorato la vita di molte famiglie». Nella città  veneta a sfilare in corteo saranno solo i parenti dei lavoratori: commesse e commessi resteranno sul posto di lavoro.
Giulia Ziino


Related Articles

Tornano in piazza gli operai di Cornigliano

GENOVA. Un mezzo pesante per sollevare i rotoli d’acciaio è posteggiato a pochi metri dal portone – chiuso – della prefettura. A bordo rombano i motori e sgasa il comignolo sulla plancia. Centinaia di operai fanno ressa intorno a una decina di poliziotti e dirigenti di questura e prefettura. Per qualche secondo sembra che il mezzo entri e sfondi, portandosi dietro colonne, statue, mezzo palazzo.

Cgil, il 25 giugno lo sciopero generale

Stop di otto ore nel pubblico e quattro nel privato. Epifani: “Per lo sviluppo, contro la manovra sbagliata e iniqua”. In piazza anche per la libertà  d’informazione e contro il collegato lavoro. Liguria, Toscana e Piemonte si fermano il 2 luglio

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment