Le grandi aziende non sentono la crisi

Il fatturato totale delle 500 più grandi società  della regione è passato da 612 a 707 miliardi di euro, un aumento del 16 per cento, ma il loro rendimento è sceso del 3,5 per cento. “Questo può preannunciare un imminente rallentamento, ma non può di certo essere definito come un sintomo della crisi”, osserva un analista di Deloitte. Tuttavia la situazione potrebbe aggravarsi in caso di crollo dell’euro, avverte il quotidiano economico:

La Slovacchia e la Slovenia, che pagano in euro, sono attualmente fra i paesi più minacciati. Ma a causa dell’alto livello di integrazione economica anche i paesi che hanno mantenuto le loro monete nazionali sarebbero in pericolo.

Deloitte, che pubblica il rapporto annuale dal 2006, osserva anche che la crisi potrebbe coinvolgere delle imprese ancora in buona salute ma già  colpite dal rallentamento dell’economia. Le imprese bulgare e romene (come Petrom e Automobile-Dacia) sembrano più vulnerabili, mentre quelle polacche (per esempio le compagnie petrolifere Pkn Orlen e Lotos) sembrano più solide.

Le principali forze economiche ceche come Skoda Auto, la compagnia elettrica nazionale ÄŒez e Agrofert (agroalimentare) hanno progredito meno rapidamente delle imprese slovacche (Slovnaft, US Steel Ko*ce), ma ottengono comunque profitti doppi rispetto alla media della regione.


Related Articles

Il «colpo» dei soliti noti

Le multinazionali dei settori petrolifero, minerario, automobilistico sono pronte a ricavare centinaia di milioni di dollari dal sistema di protezione delle foreste chiamato Redd (Reduced emissions from deforestation and degradation) che l’Onu cerca di portare avanti. E il piatto è ricco anche per banche, linee areee, fondazioni, compagnie del gas, piantatori di palma e perfino gruppi protezionisti.

Goldman Sachs regista anti-euro

“È il momento di speculare contro”  Report riservato ai clienti Vip: la moneta unica non regge.   Opzioni put a sei mesi euro contro franco svizzero per sfruttare le debolezze europee. Il 20% dei gruppi finanziari è molto indebitato: il costo dei credit default swaps salirà . La banca d’affari ha anche un ruolo di punta come consulente di governi Ue

Lavorare fa male. La guerra infinita contro i lavoratori, oggi ricordata nel mondo

Sarebbe bello che le città, per ogni morto per il lavoro, proclamassero il lutto cittadino, dal momento che si tratta di persone che hanno dato la vita per assicurare una frazione del benessere di cui ciascuno di noi gode

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment