«Religioni fattore di coesione e di pace»

Ma da ieri Sarajevo è diventata la «città  del futuro». Il meeting interreligioso della Comunità  di Sant’Egidio, al suo primo giorno, ha già  prodotto piccoli e grandi miracoli: il patriarca serbo Irinej che assiste per la prima volta a una celebrazione nella cattedrale cattolica, il Gran Muftì Mustafà  Ceric, che fa dono alla comunità  ebraica di una copia dell’Haggadah, antico testo salvato nei secoli da guerre e sciagure sempre da «altri fratelli», cattolici o musulmani, il cardinale Vinko Puljic, simbolo vivente della sete di riconciliazione che c’è in questa terra, applaudito da tutti.
C’è partecipazione di popolo. Oltre tremila persone giunte dall’Italia e da altri Paesi europei. Prenderanno parte fino a domani a una trentina di panel per dire no alle guerre fatte nel nome delle religioni. Ma anche per allontanare il rischio di nuovi «particolarismi» e «nazionalismi l’un contro l’altro psicologicamente armati» alimentati dalla crisi.
Sono parole di Mario Monti. Ieri, all’inaugurazione del meeting, che ha come titolo «Il futuro è vivere insieme», è intervenuto anche il presidente del Consiglio, davanti a oltre 400 tra autorità  religiose e personalità  di Stato: «In questi anni abbiamo compreso meglio quanto le religioni siano tornare a essere una realtà  importante per la coesione sociale e per la pace nel mondo». Il presidente del Consiglio parla con convinzione dello «spirito di Assisi», ricorda la grande giornata di preghiera per la Pace voluta da Giovanni Paolo II nel 1986 chiamandola «intuizione profetica» e ringrazia la Comunità  di Sant’Egidio «faro nel mondo: l’Italia è orgogliosa di esserne sede». Monti si definisce, di fronte ad un parterre di cardinali, imam e rabbini, «uomo dell’economia». Ma ammette: «Non basta mettere a posto i conti pubblici, occorre sconfiggere ogni visione particolaristica e rassegnata, per acquisire una visione comune del futuro».
Prima di lui aveva parlato il presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy: «Senza l’Unione Europea non ci sarà  mai pace durevole nei Balcani occidentali tanto provati dalla storia». E prima ancora, il ministro per la Cooperazione internazionale e l’Integrazione, Andrea Riccardi, aveva insistito: «Solo la pace è santa, non la guerra». Per il fondatore della Comunità  di Sant’Egidio «le frontiere non fermano il movimento della storia. Vivere insieme deve trasformarsi in un destino di pace. E creare il futuro è il grande compito delle religioni».
Il Papa e il capo dello Stato incoraggiano il meeting interreligioso. Benedetto XVI, che proprio il giorno prima aveva incontrato lo stesso Riccardi, insieme al presidente di Sant’Egidio Marco Impagliazzo e al presidente del Pontificio consiglio per la famiglia Vincenzo Paglia: «Da Sarajevo vuole partire un messaggio di pace, grazie all’incontro di uomini e donne di religioni diverse. Occorrono cuori e menti che cercano la verità , si aprono all’azione di Dio, tendono le mani agli altri». E Giorgio Napolitano: «Esprimo sentimenti di ideale vicinanza e vivo apprezzamento».


Related Articles

Coronavirus. Trieste soccorso e aiuto ai migranti, nonostante la Lega

A Trieste, da mesi, un gruppetto di volontari – tra loro anche medici dell’Associazione Don Kisciotte – si fa trovare in una delle piazze del centro, offre un primo soccorso e cura le ferite dei migranti in arrivo da Serbia, Bosnia, Croazia, Slovenia dopo essere stati percossi e derubati

Volontari. La meglio Italia

A Genova sono arrivati da tutto il Paese per spalare il fango Ma ogni giorno milioni di volontari lavorano gratis per gli altri Lo fanno all’interno di un’associazione o da soli dedicando qualche ora del proprio tempo libero

” Fa’ la cosa giusta ” diventa un libro

” Fa’ la cosa giusta “. Il libro di Dario Paladini (Terre di mezzo) racconta di una fiera che vuole diventare “piazza”. “È un racconto collettivo, scritto e reso possibile da tutti quelli che vi partecipano”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment