Sanatoria, 380 mila i lavoratori stranieri potenzialmente interessati

VENEZIA – Sono circa 380 mila i lavoratori stranieri irregolari che potrebbero emergere dal sommerso grazie alla regolarizzazione che partirà  domani per concludersi il 15 ottobre. Le stime sono della Fondazione Leone Moressa di Mestre, secondo cui la maggior parte delle regolarizzazioni avverrà  in Lombardia (quasi 118 mila, il 31,1% del totale), seguita da Emilia Romagna e Veneto (entrambe con 53 mila procedure, il 14%). Lazio. Toscana, Campania e Piemonte dovrebbero seguire rispettivamente con il 7,3%, 6,2%), 5,6%, 5%. Il settore con il maggior numero di emersioni sarà  presumibilmente quello dei servizi alle persone (111 mila) soprattutto per il lavoro domestico. Un altro 21,9% (83mila unità ) verrà  regolarizzato nel settore della manifattura e il 12,4% (47mila) nell’edilizia. Numeri inferiori sono quelli che riguardano il commercio (10,6%), i servizi alle imprese (11,0%), gli alberghi (9,9%) e l’agricoltura (4,9%). “La stima di 380 mila lavoratori – precisano i ricercatori della Fondazione Leone Moressa – corrisponde alla potenziale platea da regolarizzare, ma è ipotizzabile, proprio per le caratteristiche di questa sanatoria, che la cifra possa essere inferiore”. Il problema sta nei costi del processo, che prevede oltre al contributo di 1.000 euro per ciascun lavoratore, anche il pagamento delle somme dovute dal datore di lavoro a titolo retributivo, contributivo e fiscale per almeno sei mesi. “Soprattutto in un periodo di crisi come quello attuale, aziende e famiglie dovrebbero sborsare cifre piuttosto ingenti per regolarizzare la propria manodopera extracomunitaria. Per ovviare a tale onere, non è da escludere il ricorso ad un ‘compromesso’ tra le parti, che vede il lavoratore extracomunitario contribuire a parte delle spese della regolarizzazione”. Un’altra possibilità  è che la richiesta di emersione avvenga in un settore diverso da quello in cui l’immigrato è effettivamente occupato: “Regolarizzare, infatti, una colf o badante è nettamente meno oneroso di quanto possa esserlo un altro lavoratore, con il rischio che tale sanatoria riguardi ancora quasi esclusivamente l’emersione del lavoro domestico”. (gig) © Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Affonda gommone, è strage di migranti: 117 le vittime

Quota 117. Tra i dispersi anche dieci donne e due bambini. Tre i superstiti SeaWatch salva 47 persone. E ricomincia l’attesa di un porto

Reddito minimo e revisione della tassa sul soggiorno: le proposte di Migrantes

 

Giornata mondiale delle Migrazioni. Perego: “Delle 62.000 persone sbarcate in Italia dal Nord Africa nel 2011, 11.000 sono ancora in Italia: a queste va garantito riconoscimento e reddito minimo”

Spezza la gamba a senegalese: “Non capiva il dialetto”

VITTORIO VENETO – Infastidito dal fatto che non capiva il dialetto, un pregiudicato trevigiano ha aggredito e spezzato una gamba a un operaio senegalese. È stato arrestato. A denunciarlo ai carabinieri è stata la vittima del pestaggio, avvenuto in una piazza del centro di Vittorio Veneto (Treviso). Alla scena hanno assistito alcuni passanti che hanno chiamato le forze dell’ordine.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment