Stabilimenti in bilico e strategie, i chiarimenti attesi da Palazzo Chigi

L’incontro di sabato arriva, per così dire, a «dossier ancora aperti», mentre cioè i collaboratori del premier ma anche quelli del ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, sono impegnati a ricostruire la situazione. Ma una cosa appare già  evidente al governo: non ci sono molte leve attraverso cui indurre Marchionne a perseverare sul piano Fabbrica Italia. La Fiat per ora sta utilizzando una cassa integrazione ordinaria che ha pagato insieme con i lavoratori e i dossier sui quali il governo poteva far pesare un proprio intervento sono ormai chiusi: è così per Termini Imerese, Irisbus, Sevel. Insomma Fiat non ha da chiedere niente per restare in Italia. Quanto alla difficile fase congiunturale, pesante per tutti i concorrenti, potrebbe ricorrere alla vendita di altri asset, come quello dei veicoli industriali.
Il governo però può fare due cose: verificare le intenzioni di Marchionne a investire, e in questo caso assicurargli le migliori condizioni di contesto anche in termini di ammortizzatori sociali straordinari (sapendo che però gli altri cento tavoli al ministero dello Sviluppo reclamerebbero la medesima attenzione).
Oppure acclarare l’eventuale volontà  della Fiat di non mantenere alcuni degli stabilimenti. In questo caso è chiaro che se avessero fondamento certi appetiti della Volkswagen sul nostro Paese o il ventilato interesse della Bmw a produrre alla Bertone, il governo potrebbe sentirsi libero di prenderli seriamente in considerazione.
Antonella Baccaro


Related Articles

Aumento Iva e clausole di salvaguardia, incombe il Documento di economia e finanza

Per evitare l’aumento dal 10 all’13 per cento e dal 22 al 25 per cento servono 31 miliardi in due anni. L’aggravio medio fra beni e servizi per una famiglia sarebbe di 317 euro l’anno

Debiti e Sanzioni, le Regole Salva Euro

L’Italia avrà  più tempo per ridurre l’indebitamento al 60%

Manovra, seconde case nel mirino rischio-patrimoniale sui risparmi

E in quattro anni stop alle pensioni di anzianità .  Il menù prevede anche il blocco alla istituzione delle nuove province

 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment