Vola l’economia della morte

Durante l’amministrazione Bush (2001-2008), i cittadini statunitensi senza cibo adeguato, costretti per sopravvivere a ricorrere ai food stamps (buoni cibo) e alle organizzazioni caritatevoli, sono aumentati da 33 a 49 milioni. Durante l’amministrazione Obama sono saliti a oltre 50 milioni, equivalenti al 16,4% della popolazione, rispetto al 12,2% nel 2001. Tra questi, circa 17 milioni sono in condizione di «bassissima sicurezza alimentare», in altre parole alla fame. Hanno però la soddisfazione di vivere in un paese la cui «sicurezza» è garantita da una spesa militare che – documenta il Sipri – è raddoppiata durante l’amministrazione Bush e, durante quella Obama, è salita dai 621 miliardi di dollari del 2008 a oltre 711 nel 2011. Al netto dell’inflazione (al valore costante del dollaro 2010), è cresciuta dell’80% dal 2001 al 2011. La spesa militare Usa, equivalente al 41% di quella mondiale, è in realtà  più alta: comprese altre voci di carattere militare (tra cui 125 miliardi annui per i militari a riposo), ammonta a circa la metà  di quella mondiale. In tal modo – si sottolinea nel Budget 2012 – il Pentagono può mantenere «forze militari pronte a concentrarsi sia nelle guerre attuali, sia nei potenziali futuri conflitti». E, allo stesso tempo, può «investire in innovazione scientifica e tecnologica a lungo termine per assicurare che la Nazione abbia accesso ai migliori sistemi di difesa disponibili al mondo». A tal fine 100 miliardi di previsti risparmi vengono «reinvestiti in settori ad alta priorità », a partire dai droni: i velivoli senza pilota che, telecomandati a oltre 10mila km di distanza, colpiscono gli obiettivi con i loro missili. Qui la realtà  supera la fantascienza hollywoodiana. La Lockheed Martin sta sviluppando un nuovo drone per le forze speciali: per accrescerne l’autonomia, da terra viene usato un raggio laser che lo alimenta mentre è in volo. La Northrop Grumman è impegnata in un progetto ancora più avanzato: quello di droni che, alimentati da energia nucleare, restano in volo ininterrottamente non per giorni ma per mesi. Sempre la Northrop Grumman sta sviluppando un velivolo robotico per portaerei, lo X-47B, in grado, grazie alla memoria programmata, di decollare, effettuare la missione e atterrare autonomamente. Dati gli enormi costi di questi programmi, il Pentagono ha già  redatto una lista di affidabili paesi alleati a cui vendere i nuovi droni per la guerra robotizzata. Sicuramente ai primi posti c’è l’Italia, che ha già  acquistato dalla statunitense General Atomics l’ultimo modello di drone, il velivolo MQ-9A Predator B. In futuro acquisterà  anche il drone nucleare che, decollando sulla testa dei 50 milioni di cittadini Usa in condizione di «insicurezza alimentare», volteggerà  su quella dei disoccupati italiani che occupano le fabbriche in via di chiusura.


Related Articles

Libia, fatwa su Italia e Occidente “Mille morti per ogni imam ucciso”

Minacce dopo i raid a Brega. I Servizi: è propaganda, raìs alla fine. La Nato: “Abbiamo colpito un centro di comando militare, non volevamo perdite tra i civili”. Un capo islamico annuncia vendetta ma al-Azhar frena: “Parole di un uomo vicino al regime” 

Il corpo di Gheddafi sepolto nel deserto

Tripoli chiede alla Nato di prolungare la missione. L’Alleanza: “Ci consulteremo con l’Onu”.  Panetta non ha escluso un futuro impegno Usa in Libia, sotto l’egida Atlantica 

Per fare la guerra non serve più nemmeno la «pistola fumante»

La disinformazione serve anche a disorientare l’opinione pubblica che difficilmente riesce a leggere il contesto siriano e soprattutto a reagire sia al presunto uso di gas che ai bombardamenti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment