La mina di Cameron sul budget Ue «Pronti a mettere il veto»

LONDRA — Sul budget dell’Europa, sulle restrizioni all’immigrazione dai Paesi Ue e sulle tasse (no alla patrimoniale sulla casa) il premier Cameron alza la voce. Il suo indice di popolarità  resta piuttosto alto: dopotutto qualsiasi sondaggio rivela che il gradimento personale di cui gode è superiore a quello dei conservatori, i quali, se si votasse oggi, sarebbero una decina di punti sotto i laburisti. E la maggioranza degli elettori lo vede ancora come il più affidabile a governare l’economia fra i tre leader maggiori. Ben sopra l’alleato liberaldemocratico Nick Clegg. E avanti a Ed Miliband che per guadagnare consensi e credibilità  al centro ha sposato la vecchia parola d’ordine della «one nation policy» (poveri e ricchi uniti nella condivisione di valori, di sacrifici e di successi) cara a Benjamin Disraeli, una delle figure storiche dei tory. Ma, nonostante riesca in un periodo così duro a mantenere una sua discreta immagine politica a livello popolare, David Cameron ha davanti a sé un cammino difficile.
Il patto coi libdem traballa (tanto che l’ipotesi di elezioni anticipate al 2014 è sempre più concreta), gli scandali hanno portato nubi su Downing Street e sull’esecutivo (dal caso Murdoch ai generosi contributi, sotto forma di cene e di incontri riservati a pagamento, concessi da facoltosi rappresentanti del mondo degli affari ai conservatori), infine il partito è ben lungi dall’essere una corazzata compatta a sostegno dell’azione del primo ministro. La componente più di destra, guidata dall’ex ministro della Difesa Liam Fox e dal ministro dell’Educazione Michael Gove, gli rimprovera troppe concessioni agli alleati liberaldemocratici e invoca un ritorno agli antichi bastioni del conservatorismo (meno imposte, meno regole, rottura con l’Europa). Infine c’è l’ombra minacciosa del sindaco di Londra Boris Johnson che un giorno sì e un giorno no fa trapelare la sua intenzione di dare l’assalto alla leadership tory.
Sono tante, dunque, le ragioni che spingono il premier britannico a dare segnali di presenza e di iniziativa. Con un diluvio di interviste a giornali e televisioni (Bbc) nel primo giorno del congresso conservatore a Birmingham, David Cameron alza alcuni paletti fondamentali. Comincia dall’Europa, toccando due punti: il budget e il mercato del lavoro. Sul primo si mette di traverso a Bruxelles e sostiene che occorre separare il bilancio dei Paesi dell’area euro da quello dei Paesi che ne sono fuori, quindi minaccia di riproporre il veto di Londra nelle negoziazioni per i contributi del periodo 2014-2020. «Sanno che sono capace di dire no e se non otterrò un buon accordo ripeterò il mio no». Per Cameron le relazioni fra Londra e l’Europa vanno riformulate e poi sottoposte a referendum dopo il 2015: non un referendum sul sì o il no all’Europa ma un referendum sui contenuti delle intese per tracciare «linee chiare e nuove dei nostri reciproci rapporti».
Ancora più duro è sul lavoro: qui prospetta l’ipotesi che il Foreign Office possa regolamentare in modo restrittivo i visti ai «migranti da certi Paesi europei». Due settimane fa, spiega Cameron, «ho visitato due fabbriche e ho chiesto: Quanti lavoratori avete da altri Paesi della Ue? In un caso il 60 per cento, nell’altro il 50. Avendo noi tanti disoccupati britannici è chiaro che li vogliamo formare e impiegare». Di conseguenza, «pur essendo a favore del mercato unico europeo», qualche freno, per Cameron, è giusto imporlo.
Ma per rassicurare la destra tory non basta toccare il tasto sensibile dell’Europa, è necessario prendere di petto anche il tema sacro delle tasse. I liberaldemocratici, gli alleati, insistono sulla patrimoniale per la casa e sulla imposta per i redditi alti (sopra le 150 mila sterline annue). Cameron con una mano offre il ramoscello d’ulivo: «I benestanti dovranno pagare di più». Ma, al tempo stesso, esclude con vigore l’inasprimento sugli immobili e difende il prossimo adeguamento dell’aliquota massima sui redditi dal 50 al 45 per cento. Se riuscirà  a trovare un’intesa coi libdem sarà  un miracolo. O lui o Clegg dovranno rimangiarsi le promesse ai rispettivi congressi.
Fabio Cavalera


Related Articles

La lunga marcia di Occupy Oakland così l’America riscopre lo sciopero

Mercoledì la città  sulla baia di San Francisco è stata bloccata. Chiusi il porto, gli uffici, i negozi, le scuole. Ma la protesta è sfociata nella violenza: nella notte scontri tra anarchici e polizia, con 40 arresti e molti feriti

Una bella grana per Dilma. Che si era detta favorevole all’estradizione ma…

CASO BATTISTI. Se Lula, aspettando l’ultimo giorno, voleva risparmiare a Dilma Rousseff, insediatasi ieri, la «grana Battisti», non ci è riuscito. Ieri la stampa brasiliana, da sempre ostile a Lula, dava ampio spazio al caso e alla crisi Brasilia-Roma. «L’idea di Lula era telefonare a Berlusconi per comunicargli la sua decisione prima che diventasse ufficiale», afferma l’ Estado de Sao Paulo. Poi una volta lette le virulente dichiarazioni del governo italiano (definite «impertinenti» dal ministro degli esteri Celso Amorim e che «hanno rafforzato l’idea che l’estradizione potrebbe aggravare la situazione di Battisti in Italia»), l’idea è stata rimossa.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment