Sono 66.568 i detenuti presenti nei 206 istituti penitenziari italiani

ROMA – Sono 66.568 i detenuti presenti nei 206 istituti penitenziari italiani. Di questi 23.838 sono stranieri (36%) e 2.801 sono donne. La capienza regolamentare è invece di 45.849 detenuti .I dati del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, aggiornati al 30 settembre 2012, sono stati resi noti oggi a Roma nel corso della presentazione del progetto “Salute senza barriere: integrazione sanitaria dei cittadini stranieri detenuti” (vedi lancio successivo).

Per quanto riguarda la posizione giuridica 38.388 sono le persone che hanno avuto una condanna definitiva, mentre 13.487 sono in attesa di primo giudizio, 7.220 gli appellanti e 4.494 i ricorrenti, mentre 1.579 si trovano in una situazione mista. “Il 42% delle persone in carcere aspetta un giudizio definitivo, il 30% sono immigrati e un altro 30% è composto da persone che hanno avuto problemi di dipendenza – sottolinea Roberto di Giovan Paolo, presidente del Forum nazionale della salute in carcere – . Questo dimostra che la ex Cirielli, la Fini-Giovanardi e la Bossi- Fini sono tre leggi che hanno fallito. L’impostazione securitaria non aiuta, funzionano meglio le misure alternative. Lo dimostra il fatto che il 70% delle persone che hanno avuto l’indulto non è più tornato in carcere”.

Tra le regioni con il maggior numero di detenuti spicca la Lombardia (9.402) seguita dalla Campania (8.072),  la Sicilia (7.291 e il Lazio (7.171). Anche per quanto riguarda la presenza di stranieri in carcere la Lombardia è al primo posto (4.120) con una media che supera quella nazionale, seguita dal Lazio (2.890) , la Toscana (2.271) e l’Emilia Romagna (1754). Per quanto riguarda le nazionalità  dei detenuti stranieri, la maggior parte sono originari del Marocco (4.633), seguono i romeni (3.647), i tunisini ( 3.037) e gli albanesi (2.839). (ec)

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Se la poli­tica è simulacro non c’è società possibile

Tra la via «ungherese» di Salvini e il «trasversalismo» di Grillo, la svolta «carismatica» di Renzi e la rotta «rappresentativa» della Cgil non c’è più alcuna continuità con il recente passato. Ogni argine è rotto. E la sofferenza dilaga

Covid-19. Terapie domiciliari e cure alternative si inseriscono nei vuoti della sanità

La medicina territoriale è carente e i gruppi per le terapie alternative ne approfittano. I gruppi che le promuovono sono nati a marzo 2020, in piena crisi sanitaria lombarda e rispondevano a un’esigenza reale: la difficoltà per i medici di base di visitare i pazienti. Smontarne la narrazione non è facile. Il 90% circa dei contagiati dal Covid-19 con sintomi lievi guarisce naturalmente, indipendentemente dall’efficacia dei farmaci

Solo 120mila avranno la Pensione di cittadinanza

Stima dello Spi Cgil: sono gli stessi che oggi hanno l’assegno sociale e non avranno neanche tutti i 780 euro promessi. Oggi la fiducia sul Decreto Reddito-Quota 100

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment