Voci su Fidel morto, l’Avana tace

L’AVANA. Fidel Castro sarebbe in coma o già  morto. Su internet le «voci» si susseguono, nelle case di molti cubani il telefono squilla per chiedere e dare «informazioni». Dalla settimana scorsa, radio bemba, ovvero le voci trasportate di bocca i bocca, affermano che l’83enne simbolo della rivoluzione cubana avrebbe cessato di vivere. E che la notizia sarebbe stata tenuta nascosta fin dopo le elezioni in Venezuela, per non compromettere le possibilità  del presidente Chavez, rieletto domenica scorsa. Oggi, infine, un blogger sostiene che l’annuncio della morte sarà  dato domenica, per permettere l’arrivo all’Avana da Miami di Juanita Castro, sorella di Fidel e dell’attuale presidente Raul.
Uno dei figli di Fidel, il fotografo Alex, però ha smentito, dichiarando a un amico blogger che il padre «sta bene, legge e fa esercizi». Le fonti ufficiali tacciono. La salute del comandante è un segreto. È vero però che da un paio di mesi non compaiono nei quotidiani le riflessioni del comandante e non si vedono immagini del lider maximo.
I cubani reagiscono a queste voci con tranquillità . L’impressione, è che siano concentrati sui problemi quotidiani, su come arrivare alla fine del mese e non sugli equilibri al vertice. L’eventuale scomparsa del comandante solleverebbe senz’altro un’ondata di commozione popolare e forse avrebbe ripercussioni negli equilibri interni al Pc, ma non paiono probabili ripercussioni sociali.


Related Articles

Pelosi, ultimatum a Pence: «È pericoloso per l’America, Trump va rimosso subito»

l Tycoon «ha fomentato l’insurrezione», risoluzione dem oggi al voto. Gli agenti-veterani della Guerra del Golfo: «Al Campidoglio è stato peggio che in Iraq». Intanto l’estrema destra promette nuove «marce armate». E Twitter crolla in borsa

Siria. La Russia minaccia i curdi, mentre Nato e Usa festeggiano

Il Cremlino: «Sarete asfaltati se non vi ritirate». Nel nord della Siria in atto un processo di ingegneria demografica. Attentati islamisti nel Rojava. Le milizie filo-Turchia pubblicano video di abusi su civili e Ypg

“Non esiste un caso Italia” la partita di Palazzo Chigi tra Bruxelles e i veti tedeschi

L’Italia ha ragione a non voler sembrare un paese sotto osservazione che tratta uno sconto con Bruxelles per salvarsi l’osso del collo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment