Bankitalia: italiani sempre più poveri. 900 mila famiglie stra indebitate. 600 mila a rischio fallimento

Una morsa che riduce nettamente la capacità  di spesa e consumi. E a togliere ogni speranza la contrazione delle banche sui prestiti. E’ la Banca D’Italia a stilare la valutazione che annuncia l’ennesimo Natale di magra.

Il reddito reale delle famiglie italiane subirà  quest’anno “una diminuzione anche più marcata di quella, del 2,5%, avutasi in occasione della recessione del 2009”. L’allarme è del vice direttore generale della Banca d’Italia, Salvatore Rossi, che, intervenendo a un convegno Abi-Assofin, ha sottolineato come “per le famiglie italiane siamo al quinto anno di riduzione del reddito reale, che dal 2008 al 2011 era già  sceso del 5%”. Sono circa 900 mila le famiglie con un debito superiore al 30% dei redditi, Secondo la valutazione condotta da Rossi sul biennio relativo ai bilanci delle famiglie, il 3,6%, cioè 600 mila, vengono definite ‘vulnerabili’, cioè che non sono in grado di rientrare dei crediti concessi.

Certamente i rubinetti chiusi delle banche ai finanziamenti di imprese e famiglie strozzano ulteriormente i margini di spesa. Le difficoltà  economiche e la maggiore selettività  delle banche nella valutazione della clientela stanno avendo effetti anche sul credito alle famiglie che, osserva Rossi, “dopo un periodo di forte espansione, mostra segni di affanno. I prestiti in essere”, rileva l’alto dirigente di via Nazionale, “si stanno, pur lentamente, contraendo, le nuove erogazioni sono molto più contenute che negli scorsi anni”. La decelerazione dei prestiti alle famiglie italiane si è via via accentuata e la dinamica è infine divenuta negativa nel terzo trimestre di quest’anno, allorché il totale dei prestiti, sofferenze escluse, è risultato più basso dell’1% rispetto a un anno prima”.

Continuano, infatti, a calare gli acquisti della prima casa. Secondo le stime di Bankitalia rese note nell’ultimo studio, la decrescita dei mutui immobiliari proseguirebbe nei mesi prossimi, almeno fino alla metà  del 2013, nonostante tassi d’interesse storicamente bassi: il taeg sui nuovi mutui è prossimo al 4 per cento, un livello non molto diverso da quello della prima parte dello scorso decennio, quando il credito per l’acquisto di abitazioni cresceva a ritmi molto sostenuti”.


Related Articles

Tsi­pras fa il pieno di no in piazza

Il premier greco parla da vincitore: «L’Europa che vogliamo non è quella degli ultimatum», ma un continente che «torni ai suoi principi fondativi». Sul palco Podemos e la Linke

Londra, il più grande sciopero dagli anni 70

Due milioni di persone protestano contro riforma delle pensioni e tagli al welfare

Borse e spread, un giorno di euforia

Milano guadagna il 3,8%, il differenziale con i bund scende a 283 punti. La spinta dell’accordo americano sul bilancio. Le attese sui tassi. Il rendimento dei titoli con scadenza decennale è sceso al 4,27%. Ai minimi dalla fine del 2010

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment