Hiv, Unicef: calano i contagi tra i bambini, – 24 per cento in due anni

Grazie allo straordinario impegno globale, continua la nota dell’Unicef, i nuovi casi di contagio da Hiv nei bambini sono diminuiti del 24%, passando da 430.000 nel 2009 a 330.000 nel 2011.Quasi il 90% dei bambini contagiati da Hiv vivono in appena 22 paesi, la maggior parte in Africa sub-sahariana. Nel 2011, circa 900 bambini ogni giorno sono contagiati dall’Hiv. Questo rappresenta un contagio su sette nuovi a livello globale. Tra il 2010 e dicembre 2011, oltre 100.000 bambini in piu’ stanno ricevendo farmaci antiretroviarli.Tuttavia, meno di un terzo delle donne in gravidanza e dei bambini che hanno bisogno delle cure, le stanno ricevendo, rispetto alla media mondiale degli adulti, del 54%. “Semplicemente, e’ riprovevole che gli adulti abbiano il doppio delle possibilita’ rispetto ai bambini di ricevere le cure di cui hanno bisogno”, ha dichiarato il direttore generale dell’Unicef, Anthony Lake.

“Per definizione, per avere una generazione libera dall’Aids e’ necessario proteggere i piu’ giovani e vulnerabili dai contagi da Hiv. Dobbiamo raddoppiare i nostri sforzi perche’ le mamme e i bambini colpiti dall’Hiv possano vivere liberi dall’Aids. Dobbiamo fare tutto il possibile per aumentare il numero di donne in gravidanza e di bambini che hanno accesso ai test e ai trattamenti mediante programmi di base per la salute infantile e prenatale”. Ricevendo le cure adeguate, le donne in gravidanza sieropositive non solo possono mantenersi in vita e in buona salute, ma possono anche evitare che i propri bambini contraggano il virus durante la gravidanza, il parto e l’allattamento. Le cure possono anche prevenire la trasmissione sessuale della donna sieropositiva ad una persona Hiv negativo. Lavorare perche’ non ci siano nuovi casi di Hiv tra i bambini entro il 2015 e mantenere in vita le loro madri e’ un aspetto fondamentale dell’impegno generale dell’Unicef per la sopravvivenza dei bambini nell’ambito del movimento globale “Una Promessa Rinnovata”.

L’EPIDEMIA GLOBALE. L’ HIV ha causato piu’ di 33 milioni di morti tra il 1990 e il 2011. È la principale causa di morte e di malattia per le donne in eta’ riproduttiva (15-44 anni di eta’). Nel 2011, circa 2,5 milioni di persone sono state contagiate dall’HIV. Il numero totale di persone che vivono con l’Hiv nel 2011 e’ stato stimato di 34 milioni, soprattutto gli effetti della terapia antiretrovirale hanno prolungato la vita di molte persone. Nel 2011 si stima che 1,7 milioni di persone sono morte per cause correlate all’Aids, meno rispetto al’1,9 milioni nel 2009.

OBIETTIVI GLOBALI. A partire dal 2011, dieci paesi a basso e medio reddito, cinque con epidemie generalizzate (Botswana, Namibia, Ruanda, Swaziland e Zambia) e cinque con epidemie concentrate o di basso livello (Cambogia, Cuba, Repubblica Dominicana, Guyana e Messico) hanno raggiunto l’accesso universale, comunemente inteso a fornire Terapie Antiretrovirali per almeno l’80% delle persone che ne hanno bisogno. Tra i 22 paesi prioritari per eliminare la trasmissione da madre a figlio, cinque paesi (Botswana, Lesotho, Namibia, Sudafrica e Swaziland) hanno raggiunto l’obiettivo di fornire efficaci farmaci antiretrovirali per prevenire la trasmissione da madre a figlio per l’80% delle donne in gravidanza che vivono con l’Hiv.

INVESTIMENTO. In media, i finanziamenti dei donatori pagano circa l’84% dei costi delle cure in paesi a basso reddito. Tuttavia, gli impegni finanziari previsti dai governi donatori sono diminuiti del 10% nel periodo tra il 2009-2010, il che significa che per la prima volta negli ultimi 10 anni c’e’ stata una dimiuzione del fondo messo a disposizione su base annua.

NUOVE INFEZIONI PER I BAMBINI. Circa 330 mila bambini sotto i 15 anni sono stati contagiati da Hiv nel 2011, con una riduzione del 24 per cento in soli due anni. La maggior parte di questi contagi prevenibili si sono verificate durante la gravidanza, il parto e l’allattamento al seno. Circa 3,3 milioni di bambini sotto i 15 anni vivevano con l’Hiv nel 2011. Quasi il 90% dei bambini contagiati da Hiv vivono in appena 22 paesi, la maggior parte in Africa sub-sahariana. Ci sono paesi ai quali va data la nostra priorita’, se vogliamo rendere realta’ una generazione libera dall’Aids. Nel 2011, circa 900 bambini ogni giorno sono contagiati dall’Hiv. Questo rappresenta un contagio su sette nuovi a livello globale. Dal 2010, tra i 65 paesi a basso e medio reddito che hanno fornito dati, in media solo il 28% dei bambini esposti al rischio di contagio da Hiv hanno potuto effettuare il test entro i primi due mesi di vita.

GIOVANI. Nel 2011, i giovani tra 15-24 anni rappresentavano il 40 per cento di tutti i nuovi contagi tra quelli avvenuti tra persone di eta’ superiore ai 15 anni. Tra i giovani, i tassi di contagio tra le giovani donne sono due volte maggiori che tra i giovani della stessa fascia di eta’. Circa 4,6 milioni di giovani di eta’ compresa tra 15-24 anni, vivevano con l’Hiv nel 2011, il 78% dei quali in Africa sub-sahariana. A livello mondiale, circa 850.000 giovani sono stati contagiati da Hiv nel 2011. Nella regione piu’ colpita dall’epidemia, l’Africa sub-sahariana, in media solo il 10 per cento dei ragazzi e il 15% delle giovani donne conoscono il loro stato sierologico, sulla base dei rilevamenti disponibili a partire dal 2005 al 2010.

GIOVANI DONNE E RAGAZZE. Le giovani donne nell’Africa sub-sahariana sono particolarmente esposte al rischio e costituiscono piu’ del 65% dei 4,6 milioni di giovani che vivono con l’Hiv. Solo il 20% delle giovani donne nei paesi in via di sviluppo ha una conoscenza approfondita dell’Hiv e dell’Aids, rispetto al 32% di giovani uomini.

LE CURE ANTIRETROVIRALI. Non esiste una cura per l’Hiv, ma i progressi nella terapia antiretrovirale (Art) hanno fatto in modo che le persone sieropositive possono godere di buona salute e vivere una vita produttiva. I farmaci funzionano attraverso il controllo della replicazione virale all’interno del corpo di una persona e consentono al sistema immunitario di un individuo di rafforzare e recuperare il potere di combattere le infezioni. Nel 2011, oltre 8 milioni di persone hanno avuto accesso alla terapia antiretrovirale (Art) nei paesi a basso e medio reddito, di questi circa 566.100 bambini, con un incremento del 24% rispetto ai numeri del 2010. Tuttavia, altri 7 milioni di persone hanno bisogno di ricevere le cure per raggiungere l’obiettivo di fornire Terapia Antiretrovirale a 15 milioni di persone entro il 2015, come stabilito dalla Riunione di Alto Livello delle Nazioni Unite su Hiv e Aids nel 2011. Ma, i bambini che vivono con l’Hiv restano indietro nell’accesso alle cure di cui hanno bisogno. Dei 2 milioni di bambini stimati che hanno bisogno dei Trattamenti Antiretrovirali nel 2011, solo il 28 per cento ha ricevuto cure, rispetto al 54% degli adulti. Nel 2011, il 57% dei circa 1,5 milioni di donne in gravidanza affette da Hiv nei paesi a basso e medio reddito ha ricevuto farmaci antiretrovirali efficaci per evitare la trasmissione al bambino. Tuttavia, delle donne in gravidanza che hanno bisogno di cure per la propria salute, solo il 30% lo ha ricevuto. In assenza di cure, il 50% dei bambini che vivono con l’Hiv moriranno prima del loro secondo compleanno. (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Sotto i 750 euro due pensioni su tre

Si va in pensione più tardi e quindi scendono gli assegni liquidati ogni anno, ma salgono le prestazioni assistenziali, che nel Sud pesano il doppio del Nord

Spesa militare, numeri da guerra fredda

Dati Sipri sulla spesa militare. Ogni minuto nel mondo si spendono 3,3 milioni di dollari per comprare armi

Unicef: mutilazioni genitali per 125 milioni di donne e bimbe

Rapporto “Female Genital Mutilation/Cutting”. Una su cinque vive in Egitto. Nei prossimi dieci anni 30 milioni di bambine rischiano ancora di subire questa pratica. “Le legislazioni da sole non bastano”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment