Il pozzo di san Patrizio che non finisce mai

La società  del Ponte (la Sdm), che spende circa mezzo milione di euro al mese solo per sopravvivere, potrà  così continuare a sprecare risorse pubbliche nell’unica attività  che porta avanti ormai da una quarantina d’anni: l’eterna progettazione. 
Ma c’è di peggio: le imprese consorziate per la realizzazione del Ponte, in attesa di un’opera che non si farà  mai, potranno realizzare infrastrutture «collaterali, funzionalmente autonome rispetto al manufatto principale ma comprese nel programma». Siamo all’assurdo. 
Siamo all’assurdo: una opera non si realizza ma si possono costruire le attrezzature di contorno. Eppure Monti e Passera sembravano avviati sulla strada giusta, la chiusura definitiva di un telenovela costata già  moltissimo agli italiani, in una progettazione infinita che in 40 anni non ha dimostrato neppure la fattibilità  del manufatto (a dispetto dei CettoQualunquistici annunci di Berlusconi), evidenziandone invece i gravissimi impatti ambientali e paesaggistici, la sostanziale inutilità  trasportistica, i sempre crescenti ed esorbitanti costi di realizzazione(8,6 miliardi di euro il conto sintetico allegato all’ultima versione del progetto).
Nei mesi scorsi l’esecutivo aveva preso atto dell’esclusione del Ponte dai programmi di infrastrutture strategiche comunitarie e aveva definanziato completamente il programma (operazione peraltro già  avviata prima da Tremonti e Berlusconi), dichiarando più volte che «il ponte non è una priorità » e che la questione sarebbe stata «definita compiutamente». Nelle ultime settimane si era chiarita anche la questione delle penali, inesistenti in caso di bocciatura del progetto definitivo: per cui una chiusura in questa fase comportava solo i rimborsi spese. Tutto faceva pensare ad una fine della storia. Invece è arrivato un rinvio, che sostanzialmente «sbologna» la decisione al nuovo governo. E soprattutto permette a società  e imprese di continuare a sprecare soldi pubblici proprio nel giorno in cui l’esecutivo assume, tra l’altro, l’odiosa decisione di negare i contributi ai malati di Slòa.
Protestano gli ambientalisti (che hanno sempre contestato anche tecnicamente il progetto, smascherandone infattibilità  e insostenibilità ) insieme a buona parte del centrosinistra e ai Noponte. Si chiede l’intervento di Napolitano, sempre schierato contro gli sprechi, oggi più che mai inaccettabili.
Appena insediati, Passera e il suo vice Ciaccia, che da banchieri avevano fatto da consulenti ad Impregilo, l’impresa capocordata del ponte, avevano rassicurato chi si preoccupava di possibili conflitti d’interesse: «Da rappresentanti del governo adesso cambia tutto! Parleranno i fatti», rispondevano. Appunto.


Related Articles

Italia: la sostenibilità  ambientale corre su un “Treno Verde”

Legambiente

Trasformare le nostre città  in luoghi sani e vivibili è possibile! Come? Ce lo spiega la 23esima edizione del Treno Verde di Legambiente che in collaborazione con le Ferrovie dello Stato Italiane, la partecipazione del Ministero dell’Ambiente e il contributo di Enel Green Power, fino al 7 aprile monitorerà  l’inquinamento acustico ed atmosferico in ognuna delle otto città  in cui farà  tappa e metterà  a disposizione di tutti le sue carrozze allestite con mostre che fungono da veri e propri laboratori di educazione ambientale. L’obiettivo della campagna è la sensibilizzazione dell’opinione pubblica e delle amministrazioni locali sul tema della qualità  della vita urbana attraverso esempi e soluzioni per uno stile di vita sostenibile.

L’ULTIMA AGGRESSIONE ALL’ARMONIA DI VENEZIA

 Il ponte di Calatrava colpisce ancora. Dopo una storia infinita di costi ballerini (lievitati da 2 a 23 milioni di euro), di varianti in corso d’opera, di costosissime manutenzioni, il quarto ponte sul Canal Grande è diventato il passaporto per un nuovo intruso nel cuore di Venezia: l’indecente alberghetto in vetro, ferro e cemento già  in costruzione a un passo dal ponte.

L’eredità  di Bin Laden

Un messaggio di Bin Laden trasmesso da Al Jazeera, 7 ottobre 2001.Un messaggio di Bin Laden trasmesso da Al Jazeera, 7 ottobre 2001. AFP

L’uccisione del leader di Al Qaeda è un evento simbolico, ma la sua fine politica era già  stata decretata dalle rivoluzioni nel mondo arabo. E le conseguenze delle sue azioni sono destinate a sopravvivergli ancora a lungo.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment