Immigrati nei Cie, Cancellieri: “Ridurremo la durata massima a 12 mesi”

Roma – “Sui Cie lasceremo il segno”. L’ha detto il ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri in audizione al Senato, convocata dalla Commissione Diritti Umani.  “Il sottosegretario Ruperto ha fatto un sopralluogo in tutti i Cie, avremo un rapporto e faremo dei regolamenti per uniformarli- ha spiegato – Porteremo la durata massima del fermo a 12 mesi. Non riusciamo a convincere le rappresentanze consolari a fare i riconoscimenti in carcere”. Cancellieri è stata audita sulla fine dell’emergenza Nord Africa e ha poi risposto alle domande dei senatori, che hanno pubblicato un rapporto sugli istituti penitenziari e sui Cie. Le dichiarazioni sui Cie sono la replica al senatore Di Giovan Paolo che aveva affermato: “non è obbligatorio che ci siano i cie nelle condizioni di oggi con uno spreco di soldi , l’esperienza del giro nei cie è che soffrono tutti, gli immigrati e chi lavora per lo Stato”. I senatori hanno anche chiesto informazioni sulla possibilità  di accesso per la stampa ai centri di identificazione e di espulsione. “I Cie sono sempre aperti alla stampa – ha risposto Cancellieri – la nostra direttiva è stata di aprirli alla stampa,  poi siamo esseri umani e qualcuno può svicolare ma sono aperti alla stampa”. (rc)

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Lei di Varese, lui tunisino: una storia d’amore interrotta dal pacchetto sicurezza

Un immigrato che ha passato metà  della vita in Italia è stato prelevato in casa dai vigili urbani perché non ha più il permesso di soggiorno. Ha dovuto lasciare la compagna e racconta di aver subito un pestaggio nel Cie di Modena

Il caso Ablyazov Amnesty: in Kazakhstan torture sistematiche

IL KAZAKHSTAN in cui l’Italia ha rispedito d’urgenza la moglie e la figlia del dissidente Ablyazov, arrestate con straordinaria sollecitudine a Roma ed espulse con altrettanta rapidità, è sotto accusa da Amnesty International per «uso sistematico della tortura». Mentre la comunità internazionale chiede spiegazioni per il comportamento dell’Italia, un rapporto diffuso da Amnesty getta una luce sinistra sul rispetto dei diritti umani ad Astana, la capitale dell’immenso e semidisabitato stato asiatico.

“Vukovar e Krajina non fu genocidio ” la Corte dell’Aja archivia la guerra

Il Tribunale Onu che giudica le controversie tra Stati si è pronunciato sugli eccidi e la pulizia etnica del ’91 e del ’95, dopo un processo durato 15 anni. Belgrado e Zagabria si augurano reciprocamente un nuovo inizio

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment