LA NOSTRA LOTTA VA AVANTI MA RIPUDIAMO LA VIOLENZA

Il metodo giusto per tornare a quel dialogo è di ricreare fiducia, mentre si crede di poterla imporre con la forza, che è una cosa illogica. L’uso della forza è in contraddizione con tutti gli sforzi per creare fiducia, poiché ottiene l’effetto contrario e produce invece paura. Ma lo spirito tibetano non sarà  mai intimidito dall’uso della forza. E’ un principio radicato nel buddismo, una tradizione che ha più di 2500 anni, ed è sempre più conosciuta oggi nel mondo. Il comunismo, dall’altra parte, ha appena 200 anni e la sua immagine è in declino, senza contare che il totalitarismo è completamente fuori dal tempo.
Noi tibetani stiamo conducendo una lotta non violenta in uno spirito di riconciliazione. Merita supporto, perché deve riuscire. Il nostro fallimento sosterrà  coloro secondo i quali puoi raggiungere i tuoi obiettivi solo con la forza e la violenza. Ricordo una giovane cinese che venne a trovarmi e mi raccontò di aver visto soldati a Lhasa fare esercitazioni militari proprio accanto ai pellegrini tibetani che compiono le prostrazioni fuori del tempio di Jokhang. Pensando a queste immagini mi viene in mente che i veri “separatisti” tibetani sono gli autori di certi abusi. Infatti, numerosi cinesi imparziali, una volta adeguatamente informati della realtà , sono molto in sintonia con i tibetani.
Sulle nostre montagne nascono quasi tutti i principali fiumi di quella parte del mondo, e non rispettare l’ambiente dell’altopiano tibetano vuol dire avere poi tragiche conseguenze a valle dove vive oltre 1 miliardo di persone non solo cinesi. L’altra nostra eredità  è la cultura pacifica e compassionevole, che a mio avviso continua ad avere un grande contributo da dare nel mondo di oggi.
Spero di vedere il giorno in cui i bambini saranno così imbevuti dell’idea che i problemi possono essere risolti in pace e collaborazione, che sapranno gentilmente rimproverare i genitori litigiosi invitandoli a sedersi e parlarsi. Fare in modo che il dialogo sia la soluzione, dipende dall’avere un genuino rispetto per i diritti degli altri, il diritto a essere felici e benestanti. Dopo tutto dobbiamo vivere fianco a fianco sul pianeta assieme a tutti gli altri esseri umani.
(testo raccolto da Raimondo Bultrini e Jeremy Russel)


Related Articles

“Gli zingari vittime di un olocausto”

Il Vaticano attacca la Francia. L’Onu: “Basta espulsioni indiscriminate”

L’angoscia del Papa “È la Terza guerra mondiale fermiamo gli aggressori ma non usiamo le bombe”

Le riflessioni di papa Bergoglio in aereo, di ritorno dal suo viaggio a Seul “Gli ingiusti, come quelli in Iraq, vanno bloccati, ma tocca alle Nazioni Unite non a un Paese solo. Io sono disponibile ad andare nel Kurdistan”

Se la fonte del giudice è una serie tv

Il falco della Corte Suprema Antonin SCalia morto pochi giorni fa giustificò l’uso della tortura basandosi non su testi giuridici o sul diritto internazionale, ma sull’esempio di Jack Bauer, protagonista di una serie televisiva

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment