Sfida a cinque senza colpi bassi tutti contro Fornero e Marchionne

ROMA — A Vendola chiedono «Se non vince, chi voterebbe poi al ballottaggio? ». E il leader “rosso” dice «no, non ce la faccio, è una domanda cattiva, siamo alla crudeltà », e non indica nessuno degli altri sfidanti, suscitando le risate di Renzi. Il clima è tranquillo, non sono volati gli stracci ma neppure ha trionfato la noia, come qualcuno temeva. Il conduttore Gianluca Semprini incalza, i candidati sforano tutti il tempo di ogni risposta che è di un minuto e 30 secondi. La “csxfactor” – la sfida tv su Skytg24 nello studio di X Factor – di Bersani, Renzi, Tabacci, Puppato e Vendola è un successo, quantomeno su twitter. Il piatto forte arriva alle fine quando dalle scaramucce e dalle ricette non lontane su fisco, anti evasione e lotta alla precarietà  – si passa allo scontro. È sul finanziamento ai partiti e poi sulle alleanze. Bersani difende il patto con Casini, insieme a Tabacci. Gli altri tre, a cominciare da Renzi, non ne voglio sapere.
Il “rottamatore” sui soldi alle forze politiche cala l’asso, attaccando «chi pur avendo governato», non ha varato la norma contro il conflitto di interessi e «ha preso in giro gli italiani con una legge sul finanziamento pubblico ai partiti». È un punto per il sindaco, che però di “rottamazione” questa volta non parla. Bersani rimonta sulle ricette concrete. Quando dice: «Mai più paradisi fiscali, perché la ricchezza sa dove scappare … e poi in Italia serve una parola chiara, mai più condoni, mai più». Serve piuttosto una patrimoniale per alleggerire l’Imu. Via l’Imu sulla prima casa – anche per Vendola – e una tassa sui redditi del 75% «da un milione in su». Subito Renzi rimbrotta: «La patrimoniale per chi ha più di un milione di euro va bene, ma in Italia sono solo 786». La massima distanza è tra Vendola e Renzi e, in subordine, tra Vendola e Tabacci. Però le differenze tra i candidati si accorciano quando si parla delle riforme Fornero e di Marchionne. I 5 sfidanti per la premiership del centrosinistra esprimono sostanzialmente 5 no. Certo, la riforma delle pensioni piace a Renzi. Vendola va all’attacco sulla riforma del lavoro: «È uno sfregio alla civiltà  ». Bersani condivide con Renzi il fatto che «bisogna scrostare, rinnovare la società » e aggiunge che comunque «la riforma Fornero non basta».
Puppato difende i giovani, altro che choosy o bamboccioni come «li definiva Brunetta». Renzi la corregge: «Bamboccione l’ha detto Padoa-Schioppa». Bersani replica: «Dammi un occhio e poi giudicami tra due anni perché in 48 ore non si risolve la precarietà ». Su Marchionne, il sindaco “rottamatore” fa autocritica: «Io che le avevo creduto…». «Io che non le avevo mai creduto», incalza Vendola. E Bersani: «Caro ingegnere, lei sta parlando con qualcuno che non le beve, lei Marchionne è un po’ osè». Tensione tra Renzi e Tabacci su alleanze, Monti-bis e costi della politica: Il “rottamatore” denuncia: «Rispetto Tabacci e la sua storia, che ora gli ha permesso di distribuire poltrone con Monti di qua, e Casini di là . Ma così si consegna il paese a Grillo». Tabacci contro la demagogia di Renzi: «Un governo con dieci ministri non sta in piedi». Bersani bacchetta Renzi e Vendola sul no a Casini: «Non siate settari».
Sui diritti gay. Per Renzi ci vuole la civil partnership. Vendola non ricorre alla sua esperienza personale, però afferma che gli omosessuali non possono accontentarsi di spicchi di diritto: «Sì all’adozione per le coppie omosex». Bersani media: «Tra massimalismo e minimalismo bisogna trovare la strada, sono per la legislazione tedesca, ma sull’adozione sono per un principio di precauzione ». Infine appelli e il pantheon. «Serve il cambiamento e un governo forte», per Bersani che cita papa Giovanni XXIII come suo punto di riferimento. Mentre Vendola (la sua bussola è il Cardinal Martini) invita al riscatto dall’era berlusconianiana: «Io un acchiappanuvole per un’Italia migliore». Renzi (Mandela il suo idolo) ironizza: «Sento dire se vince Renzi, finisce il centrosinistra, c’è chi crede alle profezie Maya e chi a D’Alema». In conclusione? Soddisfatti. Foto di gruppo e battuta di Renzi : «Io mi metto a sinistra di Vendola». Bersani twitta: «Bel confronto, siamo forti».


Related Articles

Quei devoti alla dea tangente che ogni anno rubano 60 miliardi

«Meno male che papa Francesco c’è», scrive Pino1947 guadagnandosi il primo posto tra i commenti più votati di Corriere.it. Meno male sì, perché la lotta ai «devoti della dea tangente», come li chiama il Papa, non pare in cima ai pensieri del mondo politico.

Tutto quello che non ha Fatto la politica del «Noi faremo»

 Il peso delle tasse, la giustizia lenta, le difficoltà di imprese e lavoratori, i tagli alla Rai

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment