Sospetto di evasione fiscale per una famiglia su cinque

SEMAFORO rosso per 4,3 milioni di famiglie che hanno un tenore di vita “incoerente” con i guadagni. Ancor più rosso per quel milione che dichiara redditi nulli o quasi e invece spende e spande. La spia d’allarme, da ieri, si accende dopo qualche clic e un nuovo software, il ReddiTest, messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate sul suo sito. Si scarica gratis, si usa off line, non lascia tracce sul web, «non viene memorizzato e non potrà  essere visto dall’Agenzia», ha precisato ieri il suo direttore, Attilio Befera. Il ReddiTest consente di misurare in modo autonomo la distanza tra spese dell’anno e reddito dichiarato. Se lo spread è superiore al 20 per cento, luce rossa e dunque invito a regolarizzare o spiegare l’eccesso, in vista di un possibile controllo fiscale. Altrimenti, luce verde e patente di “coerenza”. «Se uno non è evasore e spende quello che guadagna o ha risparmiato non ha nulla da temere, anche perché la non coerenza non è automaticamente rappresentativa di evasione», ha poi spiegato Befera. «Il problema ce l’avrà  chi è evasore, perché con i quattrini che evade danneggia l’economia». Il ReddiTest è solo uno strumento di autodiagnosi e simulazione a disposizione del cittadino, pensato per prevenirne le furbizie.
Dichiarare meno sarà  sempre possibile, ma da ieri nessuno potrà  ignorare di non essere congruo. Poi da gennaio, quando entrerà  in campo anche il nuovo Redditometro, il vero strumento di accertamento fiscale articolato su 100 voci di spesa e 7 categorie, sarà  anche un po’ più difficile farla franca. «È già  pronto, aspettiamo il decreto ministeriale e tra due mesi sarà  operativo», ha annunciato ieri Befera. «Ma noi lo useremo, almeno all’inizio, con la massima cautela e solo per differenze eclatanti» tra entrate e uscite. Due le novità  per il Redditometro 2013: dati certi, non più presunti, e obbligo del doppio contraddittorio, una garanzia per il cittadino.


Related Articles

Come salvare la Grecia (se il suo debito è insostenibile?)

I bond legati alla crescita una soluzione possibile Ma l’ipotesi «Grexit» non è ancora da scartare

Red­dito, vicini solo a parole

M5s, Sel e Pd a favore. Ma senza il governo non si farà. Annamaria Parente, relatrice al Senato: «Il clima è buono, ma difficile unificare i tanti strumenti in uno solo»

Irpef più alta, Ici e nuove pensioni

Torna l’ipotesi di un incremento dell’Iva Tassa sul lusso per barche e auto potenti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment