Conti pubblici, migliora il deficit

ROMA — Conti pubblici in miglioramento. Il fabbisogno del 2012, secondo i dati provvisori diffusi ieri dal ministero dell’Economia, ammonta a circa 48,5 miliardi, 15,2 miliardi in meno rispetto all’anno precedente che aveva chiuso con un fabbisogno annuo di circa 63,8 miliardi. È un risultato significativo, oltre mezzo punto di Pil che pone le condizioni per il raggiungimento del pareggio di bilancio. Tuttavia, come precisato nel comunicato del Mef, è stato ottenuto soprattutto per l’andamento più favorevole degli incassi fiscali. Al netto del versamento al capitale Esm (European Stability Mechanism), rileva il Tesoro, il fabbisogno dell’anno si sarebbe attestato a circa 42,8 miliardi. Inoltre, rispetto al valore riportato nella nota di aggiornamento del documento di economia e finanza (Def), pari a 45,4 miliardi, il fabbisogno del 2012 risulta superiore di circa 3 miliardi per effetto dell’anticipazione, al mese di dicembre, del pagamento delle quote dei mutui da parte delle amministrazioni centrali e degli Enti territoriali alla Cassa depositi e prestiti.
Per quanto riguarda il dato mensile, relativo a dicembre 2012, si segnala un avanzo del settore statale provvisoriamente determinato in circa 14,1 miliardi, maggiore di circa 8,4 miliardi rispetto a quello realizzato nel dicembre 2011 che fu di circa 5,6 miliardi. In particolare, si legge nella nota del ministero dell’Economia, dal lato degli incassi nel mese di dicembre è da segnalare il buon andamento delle entrate fiscali, il versamento per circa 400 milioni di tributi, contributi previdenziali e assistenziali e premi per l’assicurazione obbligatoria, sospesi per favorire il superamento delle conseguenze del sisma del maggio 2012 e l’incasso di 13,5 miliardi di imposta municipale unica. Si è realizzato, inoltre, l’introito di circa 1,7 miliardi di euro per la vendita di quote Sace e Simest alla Cassa depositi e prestiti.
Dal lato dei pagamenti, rispetto all’analogo mese di dicembre 2011, si segnalano l’aumento della spesa per interessi e il pagamento delle quote dei mutui da parte delle amministrazioni centrali e degli Enti territoriali alla Cassa depositi e prestiti che nell’anno 2011 slittarono al mese di gennaio 2012 per una diversa calendarizzazione. Se il ministero avesse rispettato quelle scadenze, il fabbisogno del 2012 sarebbe stato ancora migliore.


Related Articles

Profitti senza lavoro nell’era digitale

L’economia digitale, oltre a mutare i rapporti di forza tra lavoro e capitale, ha trasformato lo stesso principio di ricchezza, divenuto intangibile e meno controllabile

L’utile delle FS e la ragion di stato

Le Fs hanno realizzato nel 2010 un utile di 129 milioni su 8 miliardi di ricavi. È il frutto dell’ulteriore taglio dei costi e dell’aumento del 4,2%dei ricavi ordinari, che si riflettono nella crescita del margine operativo lordo da 1,4 a 1,6 miliardi.

Libia, Monti firma un nuovo patto

Al vecchio e ormai imbarazzante Trattato di amicizia si sostituisce la «Tripoli declaration», nuova carta d’intenti e soprattutto road map dei futuri rapporti tra Italia e Libia.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment