Invalidità  totale: per mantenere la pensione conterà  anche il reddito del coniuge

ROMA – Il 2013 si apre all’insegna della novità  per gli invalidi civili al 100% titolari di una pensione di invalidità . Se infatti fino a ieri il limite di reddito considerato utile al conseguimento della pensione era individuale, da oggi viene considerato anche quello del coniuge. Per il conseguimento della pensione di invalidità  dunque sarà  necessario che la coppia non superi il limite dei 16.127, 30 euro lordi l’anno. La novità  riguarda solo gli invalidi al 100 per con coniuge. Per gli invalidi parziali, i non vendenti e i sordi il limite di reddito resta personale. Immutata anche la situazione per l’erogazione di indennità  di accompagnamento e di comunicazione continua: nessun limite reddituale è considerato. 

A dirlo è la Direzione Centrale delle Prestazioni dell’Inps che, con la Circolare n. 149 del 28 dicembre 2012, fissa per il 2013 gli importi per le provvidenze (pensioni, assegni, indennità ) e i limiti reddituali. Ogni anno vengono infatti ridefiniti dall’Inps a seconda dell’inflazione e del costo della vita non solo gli importi delle pensioni, degli assegni e delle indennità  che vengono erogati a invalidi civili, sordi e non vendenti, ma anche i limiti reddituali per accedere ad alcune provvidenze economiche. Per il 2013 appunto, l’Inps ha deciso di introdurre una grande novità , ovvero procedere con il cumulo dei reddito nei casi in cui la persona con disabilità  totale goda della compagnia di un coniuge. Il cumulo così previsto non deve superare il limite dei 16.127, 30 euro lordi l’anno, pena la perdita del diritto alla pensione di invalidità  (275, 87 euro al mese).

La decisione dell’Inps, su cui tante associazioni a difesa dei diritti delle persone con disabilità  stanno già  promettendo battaglia, non si basa su un dettato normativo, ma su una Sentenza della Corte di Cassazione del 2011 (n. 4677). In data 25 febbraio 2011, infatti, la Sezione Lavoro della Corte di Cassazione ha respinto l’impugnazione di una cittadina contro Inps e ministero delle Finanze che in precedenza le avevano respinto la domanda di inabilità  civile. A sostegno della decisione presa, la Corte rilevava infatti che, cumulando i redditi del coniuge, la signora superava i limiti di redditi previsti per il requisito economico. (eb)

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Il 40° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese 2006

Il sistema di welfare Censis – Comunicato stampa Sanità: i costi della cattiva programmazione. Negli ultimi anni la sanità ha

Perdonare è giusto

Dubbi e critiche di un ex magistrato “punire non serve”.  La condanna, anziché creare responsabilità , la distrugge e così fa con la libertà  Si può retribuire il male con il male solo se si ritiene questa davvero una soluzione positiva. L’anticipazione/ Nel suo nuovo libro, Colombo analizza la possibilità  di immaginare delle pene alternative, diverse dal carcere 

Ma il vero reato è sorprendersi

E’ dispiaciuta ma non sorpresa, ha dichiarato la ministra Severino alla notizia della nuova condanna dell’Italia da parte della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo. E figuriamoci se sorpresi lo siamo noi, che quotidianamente denunciamo le condizioni disumane e degradanti nelle quali le pene detentive vengono espiate.
L’Italia è seconda solo alla Serbia nell’area del Consiglio d’Europa per tasso di affollamento.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment