Le maschere della cattiva politica

Con che cosa? A questa domanda si risponde in maniera duplice ma convergente. C’è chi dice: conferendo tutto il potere al popolo, purché questo popolo sia poi strettamente controllato da un capo incontrastato o, al più, da una ristretta oligarchia (vedi il caso Grillo). C’è chi dice: conferendo tutto il potere a un uomo super-partes, a un «tecnico» non schierato ma dotato di grande carisma, da collocare, assieme ad altri «tecnici» suoi collaboratori (ma evidentemente di una pasta inferiore) dentro a un limbo ideologico né di destra né di sinistra, insomma in una nuvola bianca e asettica come la corsia di un ospedale, anzi una sala chirurgica.
Come se tutto questo non fosse bastato a mettere da tempo in uno stato di indicibile sofferenza la nostra democrazia, e a configurare non impossibili futuri scenari di regime, è arrivato non molti giorni orsono il magistrato Ingroia che, proponendosi a sua volta come deus ex machina dello sciagurato caso Italia, ha subito intimato ai partiti che avevano mostrato qualche interesse per la sua persona di fare «un passo indietro», insomma di non interloquire: giovanotti, lasciatemi lavorare…
Decisamente, corrono brutti tempi per la democrazia, vittima di un diffuso disamore che sa di naufragio della ragione del quale, temo, siamo tutti un po’ responsabili. Lo siamo, quanto meno, per quell’assuefazione al peggio che ci impedisce di reagire allorché vengono pronunciate parole lesive, oltre che delle nostre istituzioni, della nostra stessa intelligenza intesa come patrimonio comune di verità  non suscettibili di scavalcamenti. Lungo sarebbe l’elenco delle furbesche bugie quotidianamente
Mi limito a citarne una sola, quell’autentica idiozia secondo la quale il signor Monti, proclamandosi fautore di cambiamento contro i presunti fautori dell’immobilismo, si collocherebbe al di là  dell’antinomia destra/sinistra, ormai obsoleta.
Povera politica, ci mancava soltanto una sentenza di morte ufficiale. E’ arrivata, pronunciata con accademica autorevolezza dallo stesso premier dimissionario e impavidamente reiterata da tutto il suo rampante seguito di fieri moderati. La politica è finita, parola di Monti. Destra e sinistra sono lemmi da cancellare dal vocabolario, e quanti continuano a battersi per una giustizia sociale non di facciata, ma sinceramente a favore dei deboli e degli indifesi, non sono altro che poveri sopravvissuti, naufraghi provenienti da un continente ormai sommerso. Il dogma insomma oggi si chiama Monti, detto anche l’Unico, più essenza ontologica che uomo. Quanto alla sua Agenda, si direbbe che essa ha la stessa inviolabilità  della Legge mosaica, sia per quanto riguarda i contenuti sia per quanto riguarda i criteri di applicazione.
Come si vede, siamo oltre Berlusconi. Quest’ultimo si accontentava di mettere nell’angolo gli avversari. Monti li incenerisce: siete già  all’inferno e non lo sapete. La politica è morta. Ora ci sono io al suo posto.


Related Articles

E la Lega pensa allo strappo

La disfatta berlusconiana nelle urne è un uragano destinato ovviamente in primis a rovesciarsi sul destino politico del capo del governo, ma anche a scardinare il sistema politico degli ultimi quindici anni. Uno sconvolgimento in cui nulla resterà  come prima: partiti, alleanze, leader, sistemi elettorali, aggregazioni, schieramenti. Primo fra tutti il centrodestra così come lo abbiamo conosciuto, alla vigilia di un divorzio tra il Pdl e la Lega che potrebbe addirittura preannunciare lo sfaldamento dell’impalcatura bipolare che ha retto l’intera vicenda della Seconda Repubblica.

Ecco perché si può invertire la rotta

Cagliari, una città  considerata sonnolenta e anche remissiva, ha dimostrato come sia possibile avviare un processo che veda i suoi cittadini, e non più i soliti gruppi di potere con le reti clientelari ad essi legati, protagonisti di una nuova fase politica. Il risultato ottenuto da Massimo Zedda al primo turno delle amministrative è un segnale di questa possibilità . C’è da augurarsi che venga confermato; ci sono le premesse, tutte le forze democratiche sono impegnate in questo tentativo.

«Matteo ha un’idea padronale del partito»

Il numero due dell’Economia da giorni provava a rintuzzare le critiche del leader democratico

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment