Le truppe di Bamako avanzano nel nord

PARIGI. Alla terza settimana d’intervento francese in Mali, sono state trasmesse le prime immagini dei bombardamenti in Mali: senza suono e spiegazioni, il video filmato dall’esercito francese diventa un elemento di disinformazione. I giornalisti indipendenti sono bloccati a chilometri di distanza dalla linea Mopti-Sévaré, dove i pochi che sono riusciti ad arrivare sono minacciati di espulsione dall’esercito del Mali, che vuole avere la mani libere, accusato di rappresaglie sanguinose contro presunti ribelli. Sul terreno, francesi e maliani avanzano, a ovest, da Diabaly verso Timbuctù, al centro verso Gao. Sarebbe stata presa Hombory, a 200 km a ovest di Gao. Gli islamisti hanno fatto saltare il ponte strategico di Tassiga, che rende difficile la preparazione dell’intervento delle truppe del Niger e del Ciad. Ma il fronte islamista si sta fratturando: uno dei gruppi armati che occupano il nord del Mali, Ansar Eddine, si è spaccato, una parte, riunita nel Mia (Movimento islamico dell’Azawad) vuole una «soluzione pacifica». Il Mia, nato attorno a una grande famiglia tuareg, dichiara di «prendere le distanze da ogni gruppo terrorista» e si impegna a combattere ogni estremismo, chiedendo la fine delle ostilità . I militari francesi presenti in Mali sono ormai saliti a 3700, 2400 impegnati sul terreno. Oggi si riuniscono ad Abidjan, in Costa d’Avorio, i capi di stato maggiore dei paesi dell’Africa occidentale che partecipano alla Misma (missione sul Mali). Conferenza dei donatori il 29 gennaio ad Addis Abeba, in Etiopia. Gli africani non hanno soldi, il costo dell’intervento a fianco della Francia è valutato sui 340 milioni di euro. Per ora ci sono solo i 50 milioni promessi dall’Ue. Gli africani si rivolgono all’Onu, che frena. Ban Ki-moon è prudente ad impegnarsi in un’avventura dove ci sono già  stati episodi di non rispetto dei diritti dell’uomo. La Francia preme, anche perché vuole pararsi contro le accuse, presenti anche in patria, di non avere una vera copertura legale per l’intervento. La legalità  viene dalla domanda di aiuto scritta del governo del Mali (un regime pero’ nato da un colpo di stato nel marzo 2012). La Gran Bretagna, il paese più vicino a prendere parte all’intervento, ha chiesto al governo del Mali un’analoga richiesta scritta. Invece, la risoluzione dell’Onu 2085 prevedeva il dispiegamento di truppe internazionali, non l’intervento francese. Anche la «legittima difesa» (secondo l’art. 51 della Carta dell’Onu) non può essere invocata: il Mali non è stato aggredito da un paese straniero, ma da ribelli presenti sul suo territorio. Per questo, gli Usa non aiutano direttamente l’esercito del Mali, ma le forze africane e non permettono neppure ai loro aerei di alimentare in carburante gli aerei francesi in volo, se sono in fase di bombardamento. Dall’inizio dell’intervento francese, ci sono 9mila i rifugiati in più, saliti ormai a 150mila nei paesi confinanti e 230mila in Mali.


Related Articles

Chi semina armi, raccoglie profughi

Le parole del papa risvegliano i laici dal «sonno della ragione» e i cristiani dal tradimento del Vangelo: ci siamo arresi alla necessità di una difesa atomica sotto l’egida Nato

Proteste in piazza, e sul web Anonymous attacca siti israeliani

In tutto il mondo continuano le mobilitazioni contro l’aggressione militare israeliana nella Striscia di Gaza: da New York a Parigi, dal Libano alla Malesia, all’Iran: «Gaza, che fare?» è la domanda che rimbalza nei siti web. Gli hacker di Anonymous hanno risposto subito alla loro maniera, mettendo in campo una vasta campagna di boicottaggio: «Abbiamo attaccato novemila siti israeliani» – hanno affermato – sostenendo di aver distrutto anche il database del ministero degli Esteri israeliano.

Gli F35 ora sono “buoni” e “utili”

Il docu­mento dei depu­tati Pd chiede la sospen­sione di nuovi con­tratti per gli F35, ma il capo­gruppo alla Camera di quel par­tito ha un’altra idea, come la mini­stra della Difesa

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment