Democrazia: In rotta di collisione

La tensione che ribolle sotto la superficie tra le democrazie d’Europa e i mercati finanziari internazionali probabilmente non si affievolirà  molto presto, e nessuno è in grado di predirne l’esito.

I mercati si stanno esprimendo schiettamente, con dati che non perdonano. Stanno minacciando di togliere il tappo ai prestiti dell’Europa. Senza capitali in prestito o accesso ai bond sarà  praticamente impossibile per il blocco mantenere gli standard di vita e il livello del welfare e dei sussidi sociali che hanno definito il modo di essere e di funzionare di queste società  dalla fine della seconda guerra mondiale. In realtà  i mercati stanno spingendo i capitali verso est, dove le popolazioni sono abituate a standard di vita inferiori e dove la democrazia funziona in modo diverso.

Il livello di cambiamento e di sacrificio necessario a raggiungere gli obbiettivi che i mercati finanziari esigono, specialmente dall’Europa meridionale, è difficile da raggiungere, forse addirittura impossibile. Nessuna nazione è pronta a un cambiamento di stile di vita – in peggio – di tale portata senza avere un’inevitabile reazione violenta.

L’élite europea, concentrata per lo più a Bruxelles e a Berlino, credeva che la transizione verso un’Europa più competitiva e florida fosse un processo politicamente gestibile. Sarà  anche stato così per alcuni paesi dell’Europa settentrionale che comprendono fino in fondo che cosa implica il contratto sociale, paesi che sanno dar prova di maggiore fermezza a fronte delle avversità . Nel caso della Grecia, come pure dell’Italia, riforme e drastici tagli non sono stati facili però da digerire e sono stati varati non senza complicazioni. In questi paesi l’austerity risveglia l’istinto di reazione contro tutto ciò che sconvolge lo status quo e rafforza le tendenze anti-sistemiche della società .

Come spezzare questo circolo vizioso? È impossibile rispondere. La crisi si è aggravata e ha allargato i già  ampi divari di natura politica e culturale che separano le nazioni europee. Adesso sembra proprio che i mercati finanziari non siano affatto preparati a moderare le proprie richieste e a fare un passo indietro. Il rischio che l’Europa entri in una fase prolungata di instabilità  e di difficoltà  economiche si va palesando all’orizzonte, mentre i mercati continuano a far salire lo spread e ci sono persone che votano politici come l’italiano Beppe Grillo.

I limiti e le possibilità  della democrazia stanno per esser messi duramente alla prova, anche se la democrazia europea spesso sembra un’istituzione superficiale che agisce dietro le quinte della scena pubblica – cosa totalmente ignorata da coloro che appoggiano Silvio Berlusconi oggi quando appena ieri lo presentavano come un esempio di corruzione e di intrallazzi.

Traduzione di Anna Bissanti


Related Articles

Le riforme di Macron per disennescare i gilet gialli

Francia. Soppressione dell’era, la scuola dell’élite, meno, democrazia partecipativa con referendum più facili e “conferenze” con cittadini tirati a sorte. Tagli alle tasse, misure sulle pensioni, il discorso che il presidente non ha fatto finisce sui media

Parlare con i Taleban: un gioco dietro le quinte

Le truppe internazionali preparano l’uscita dall’Afghanistan al 2014, anzi: già  alla fine del 2013, come ha detto di recente il segretario Usa alla difesa Leon Panetta.

L’Europa fuori dal processo di pace

Il 2 settembre israeliani e palestinesi hanno inaugurato a Washington un nuovo tentativo di riavviare il processo di pace. Ma mentre le discussioni riprendono sotto l’egida degli Stati Uniti, l’Unione europea è completamente assente dalle trattative. È incomprensibile che “il presidente Obama allontani l’Ue dai negoziati”, si stupisce Yossi Beilin su La Vanguardia. L’ex ministro della giustizia israeliano, presidente dell’Iniziativa di Ginevra ed negoziatore agli incontri di Taba nel 2001, ricorda che le “principali tappe del processo negoziale degli ultimi venti anni hanno tutte avuto luogo in Europa: la conferenza di Madrid nel 1991 e gli accordi di Oslo (1993), Parigi (1995) e Ginevra (2003).

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment