Emergenza Nordafrica L’allarme degli Enti locali: «Intervenga lo Stato»

ROMA. Il 28 febbraio finirà  il piano di accoglienza per la cosiddetta Emergenza nordafrica, ma ancora non si sa niente della sorte che spetterà  a migliaia di africani alloggiati in tutta Italia. Ieri, in vista proprio dell’imminente scadenza, Regioni, Anci e Upi nel corso della conferenza unificata hanno chiesto al governo di prolungare il piano ma soprattutto di sbloccare i finanziamenti previsti, evitando di scaricare il costo dell’operazione sulle spalle dei soli enti locali. «La situazione sui territori è al collasso», hanno spiegato sindaci e presidenti di Regione e Province, sottolineando in modo particolare la situazione in cui si trovano i minori non accompagnati arrivati attraverso gli sbarchi. «Questi ragazzi – ha spiegato il sindaco di Padova Flavio Zanonato, responsabile immigrazione dell’Anci – devono essere ospitati dai comuni e alcuni di quest’ultimi rischiano il dissesto, non riuscendo a sostenere le spese. Sono costretti, insomma, a svolgere attività  per le quali lo Stato non dà  soldi»
Cosa potrebbe accadere dunque tra pochi giorni? Il rischio, o meglio la possibilità , è che le circa 23 mila persone fuggite tra il 2011 e il 2012 dai nordafrica si ritrovino di punto in bianco in mezzo a una strada. «Ci troviamo ancora una volta di fronte a una soluzione che rischia di diventare esplosiva», ha scritto nei giorni scorso l’Arci in una lettera la ministro degli Interni Anna Maria Cancellieri. Nella lettera l’associazione chiede, come del resto anche gli enti locali, il prolungamento del programma di accoglienza «per quanti sono in attesa di regolare permesso di soggiorno o lo hanno appena ottenuto, per i nuclei familiari con minori, per coloro che necessitano assistenza sanitaria o psicologica». «L’assenza di misure in tal senso – conclude l’Arci – vanificherebbe gli sforzi di tante comunità  locali e organizzazioni che si sono prodigate nella solidarietà  alle migliaia di profughi dalla guerra in Libia».


Related Articles

Gli affari della coop di Mafia capitale appalti sui migranti anche dopo l’inchiesta

La Cascina, commissariata per infiltrazioni lo scorso luglio, è legata a doppio filo alla Senis Hospes, che continua a gestire l’accoglienza di quasi settemila persone al giorno

«Migranti condannati a morte nella stiva»

Le testimonianze dei superstiti della strage al largo della Libia: «Picchiati e torturati dagli scafisti in base all’etnia»

Migranti. Ancora una strage di donne e bambini davanti Lampedusa

Affonda barcone con 50 migranti. Recuperati i corpi di 13 donne, dispersi anche 8 minori

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment