Il misterioso ritorno di Chà¡vez a Caracas

RIO DE JANEIRO — Settantadue giorni di assenza, guidando il suo Paese da un letto di ospedale di un altro Paese. Sotto sedativi per buona parte del tempo, intubato, almeno un paio di volte sull’orlo della morte. E ora il ritorno in patria, tra mille interrogativi: come sta davvero il presidente venezuelano Hugo Chà¡vez? È tornato da Cuba perché la sua salute è migliorata, o al contrario perché non ci sono più cure possibili per il suo tumore? La notizia è arrivata nel cuore della notte, via Twitter dallo stesso Chà¡vez: «Grazie a Dio, al mio popolo, a Fidel, Raàºl e a tutta Cuba… Resto aggrappato a Cristo e ai miei medici e infermieri… Hasta la victoria siempre!». Nessuno ha visto nulla, all’aeroporto di Caracas, ma il governo assicura che Chà¡vez si trova già  nell’ospedale militare Carlos Arvelo, dove continuerà  le cure. Nei giorni scorsi erano state diffuse un paio di fotografie da Cuba, Chà¡vez insieme alle due figlie, mentre legge un giornale. Le prime immagini dopo oltre due mesi: non appare in cattive condizioni, ma qualcuno ha subito parlato di una manipolazione.
Le prime ore della mattina in Venezuela sono una valanga di emozioni e retorica. Il vice e delfino Nicolà¡s Maduro lo definisce «un esempio di battaglia permanente», e poi chiama il popolo a manifestare nelle piazze, «per dimostrare la grande forza e l’allegria che ci pervade in questo momento». Una piccola folla, sin dall’alba, si raduna davanti all’ospedale militare, dove tutto appare normale, a parte una decina di camionette dell’esercito davanti all’entrata. La posizione ufficiale del regime, d’altronde, è trasmettere normalità  e trattare la malattia di Chà¡vez come reversibile. Resta un passaggio politico da risolvere, perché il leader rieletto lo scorso ottobre non ha ancora giurato né dato inizio formalmente al nuovo mandato. La cerimonia avrebbe dovuto avvenire lo scorso 10 gennaio, secondo la Costituzione, ma le condizioni di Chà¡vez non l’hanno consentito. Nelle stesse ore una sentenza della Corte suprema, assai contestata dall’opposizione, stabiliva che poiché esiste continuità  di potere e il capo dello Stato è lo stesso, il giuramento si sarebbe potuto svolgere in un altro momento. È questo, adesso, il motivo principale del ritorno di Chà¡vez in Venezuela? Possibile, secondo alcuni osservatori, perché un atto di insediamento davanti alla Corte suprema, magari in una stanza dell’ospedale militare nelle prossime ore, riporterebbe la normalità  costituzionale, e darebbe più legittimazione al vice Maduro, già  indicato da Chà¡vez come suo successore se si dovessero svolgere nuove elezioni.
E qui entra in gioco un possibile scenario alternativo. Rinunciando invece ad assumere il potere, il presidente eletto aprirebbe la strada verso il ritorno alle urne in tempi brevi, come indica la Costituzione. Maduro potrebbe contare sull’impatto emotivo del gran ritorno per battere l’opposizione; ma allo stesso tempo sarebbe un’ammissione che la malattia di Chà¡vez non ha più speranze di essere superata. Negli ambienti dell’opposizione, attivi soprattutto sulle reti sociali, è quest’ultima la tesi prevalente: Chà¡vez sarebbe tornato perché non c’è più alcuna cura possibile per lui a Cuba o altrove. Mentre la sua presenza qui sarebbe determinante per vincere la battaglia della successione. Un gruppo di studenti, da giorni incatenati davanti all’ambasciata cubana a Caracas, chiede ulteriori prove. Vogliono un referto medico indipendente, e altre immagini del ritorno del presidente.
Rocco Cotroneo


Related Articles

Terrorismo di Stati e scontro di inciviltà

Se è vero che il terrorismo polarizza, per effetto o per strategia, da questo scontro è possibile e doveroso chiamarsi fuori, provando invece a costruire ponti tra popoli, religioni e culture

Turchia dopo il voto. Erdogan sa già dove reagire: nel Rojava

Erdogan resiste nell’Anatolia profonda, ma cede nelle grandi città. La risposta è dietro l’angolo: una nuova operazione contro i curdi. Quella che anche il rivale Chp appoggerebbe

Rosi: “Ho obbligato l’Europa a guardare Lampedusa e il dramma dei migranti ”

«Penso a tutti quelli che hanno attraversato il mare per arrivare a Lampedusa e a quelli che non ce l’hanno fatta ». Gianfranco Rosi stringe l’Orso d’oro della Berlinale per Fuocoammare

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment