L’Ilva chiede la cassa integrazione a rischio fino a 6500 posti di lavoro

Di fatto significa dimezzare la forza lavoro dello stabilimento di Taranto, «dando poche prospettive — dicono i sindacati — su quello che accadrà  dopo». L’azienda lega la richiesta ai lavori necessari per adeguarsi all’Aia, l’Autorizzazione integrata ambientale imposta dal Governo per limitare le emissioni inquinanti: «Investiremo — dicono — sino al 2016 due miliardi e 250 milioni, avendo una drastica riduzione della produzione». Con la chiusura dell’altoforno 5, prevista nell’Aia per il secondo semestre del 2014, e la chiusura già  attuata dell’Afo 1, la produzione dello stabilimento di Taranto si riduce di un terzo passando da 30 mila tonnellate al giorno di acciaio a diecimila tonnellate.
L’Ilva però nega che si tratti di una misura «strutturale», assicurando che, terminati i lavori di ammodernamento, si tornerà  alla forza lavoro attuale, al momento già  decimata visto che 2.600 persone sino al due marzo sono in cassa integrazione. Esiste poi il problema del finanziamento della cassa, al momento non scontato. «Le cifre sono folli — dice il segretario provinciale della Fiom, Donato Stefanelli — l’Ilva prima di parlare di ammortizzatori deve dare conto del piano industriale e del piano di investimenti, non ancora presentati ». «Le cifre indicate dall’azienda — gli fa eco il segretario della Uilm, Antonio Talò — ci sembrano decisamente eccessive. Questa situazione non può ricadere soltanto sulle spalle dei lavoratori». Preoccupata la politica: «Il momento — dice l’assessore regionale all’Ambiente, Lorenzo Nicastro — diventa sempre più complicato».


Related Articles

Più padiglioni di Shanghai e 141 Paesi Le cifre da record di Expo 2015

 Prenotazioni oltre le attese. Centomila si offrono per un lavoro

Un mutuo per pagare i contributi all’Inps «Voleva essere a posto»

CIVITANOVA MARCHE (Macerata) — Prima di dirsi addio, vicini fino all’ultimo e appesi a una corda, giù nel ripostiglio delle biciclette, Romeo Dionisi e Annamaria Sopranzi, 62 e 68 anni, sposi da 35, hanno lasciato la casa in perfetto ordine, la notte scorsa, come facevano sempre prima di uscire, perché l’ordine era la regola a cui avevano ispirato tutta la vita

Verso il raddoppio del fondo salva-Stati

La dotazione passerebbe a 900 miliardi. Geithner incontra Draghi: “Sostenere la crescita”.    Domani l’Ecofin aprirà  la serie di vertici decisivi per il destino dell’Europa 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment