Rc nel caos, con Ingroia resta Rifondazione

ROMA — Un brutto colpo di mattina. E uno di sera. Ma Ingroia va avanti. Di buon ora fa il punto con i candidati della società  civile, La Torre, Ruotolo, Cucchi, Favia. Si lasciano decisi ad andare avanti. Il problema, dopo la sconfitta, è “avanti con chi”. E qui torniamo ai brutti colpi. Brutto quello del sindaco di Napoli Luigi De Magistris che liquida la creatura di Ingroia in due battute: «Rivoluzione civile è finita. Non c’è futuro per questa lista dopo una sconfitta così netta». Poi tocca ai dipietristi. Non è l’ex pm in persona a sganciarsi dall’avventura politica dell’ex procuratore aggiunto di Palermo. Perché Di Pietro, silente ormai da 48 ore, si dimette a sorpresa dalla presidenza dell’Idv. I suoi però riuniscono l’ufficio di presidenza e non solo vanno avanti, ma decidono pure di lasciarsi alle spalle Rc, vogliono «rifondare, rinnovare e rilanciare l’azione di Idv». Con Ingroia restano associazioni e movimenti, ma anche Rifondazione comunista. Paolo Ferrero, il segretario, non ha dubbi: «Costruiamo un percorso costituente della sinistra anti-liberista e proponiamo che Rc sia il punto di partenza». Dal Pdci di Oliviero Diliberto arriva solo una battuta del segretario — «esito disastroso» delle elezioni — mentre il gruppo medita sul che fare.
Il dilemma su cui si arrovellano i soci fondatori di Rc è sempre lo stesso, essere o non essere una formazione politica che assembla i movimenti, i sindacati, ma anche i partiti. De Magistris ha scelto. Spiegano dal suo staff che il sindaco avrebbe voluto «una lista di rottura, composta solo di società  civile», invece Rc è diventata «il coagulo di esponenti della vecchia politica che si è opposta a Berlusconi e a Monti». Per carità , sarà  pure «il volto migliore della vecchia politica, ma è stata percepita comunque come vecchia». Per questo De Magistris chiude, come aveva fatto con Di Pietro. Offre una lettura politica perché «la fase di ingovernabilità  che si apre non consente a un sindaco di una città  come Napoli alcuna distrazione». Non bisogna chiedere altro per capire che De Magistris, l’inventore del popolo arancione e della candidatura stessa di Ingroia a premier, non si può compromettere con un fallimento di cui critica le cause. Troppi vecchi partiti, troppi vecchi candidati che avrebbero fatto perdere a Rc la scommessa di raccogliere il voto di protesta.
Anche Leoluca Orlando, sindaco di Palermo e tuttora nell’Idv, rilascia una dichiarazione in cui una frase prevale sulle altre, «occorre andare oltre il recinto di partiti atrofizzati», tuffandosi nella Rete, quella che gli ha garantito il 74% dei voti quando ha corso per la poltrona di primo cittadino. Come dice Claudio Giardullo, poliziotto, per anni segretario del Silp-Cgil, «l’esperienza di Rc deve continuare, ma deve prevalere un’immagine di discontinuità  rispetto al passato ». L’ha detto anche Ingroia, commentando a caldo il voto. «Abbiamo avuto poco tempo…». Meno di due mesi dalla prima assemblea. Per questo Ferrero disegna un cammino di “vera rifondazione”: «Rc non ha intercettato il disagio sociale, ma ciò non significa che nel paese non ci sia una presenza anti-liberista e di sinistra». Bisogna solo seguire la strada giusta, con «un processo costituente, dal basso, tenendo insieme esperienze sociali, personalità  politiche, comitati». E Ingroia? «Lui è una figura simbolo e ha fatto quel che poteva».


Related Articles

Alla riconquista del diritto a stare bene

SALUTE BENE COMUNE
 In un mondo dove la giustizia internazionale sembra del tutto soggiogata alle logiche asimmetriche del potere, sta emergendo un nuovo movimento internazionale per il diritto alla salute: un diritto codificato in trattati internazionali e nelle costituzioni di 133 paesi, le cui violazioni sono addirittura troppo numerose per essere quantificate e monitorate (per stare in Italia, pensiamo agli effetti dell’amianto dell’Eternit, ai veleni di Taranto, alla mancata raccolta dei rifiuti a Napoli).

L’oro nero DI SICILIA

A due passi dalla costa, in aree protette, in zone sismiche e alle pendici del vulcano sottomarino che fa tremare i fondali: le multinazionali petrolifere perforano, sondano, pianificano. Nessuno li ferma e la Northern Petroleum con la sua piattaforma si fa beffa del governo italiano

Pesca. La grande razzia continua

 Il mercato del pesce di Grimsby, in Inghilterra.  Il mercato del pesce di Grimsby, in Inghilterra.

La Commissione europea vuole riformare la politica sulla pesca per fermare lo sfruttamento eccessivo delle risorse ittiche. Ma l’opposizione delle potenti lobby del settore, interessate al profitto a breve termine, rischia di bloccare tutto.

No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment