Un Partito con troppi compagni Le purghe (riformiste) di Xi

Ora annuncia che bisogna fare pulizia (o epurazione) anche tra coloro che non hanno le qualità  per chiamarsi comunisti. Il Partito ha 83 milioni di iscritti ed è evidente che non tutti hanno chiesto la tessera per servire il popolo, ma per ottenere protezioni e fare affari. In queste settimane i giornali danno grande risalto ai casi di funzionari corrotti scoperti grazie alla denuncia di cittadini. Ormai la campagna è diventata un test di credibilità  per il segretario generale Xi. Se non va fino in fondo rischia di perdere la credibilità . Ma il successo, dicono gli analisti cinesi, potrebbe destabilizzare il partito. Non sarà  facile, sfoltire i ranghi potrebbe aprire una nuova stagione di vendette. Epurare i «membri non qualificati», già  definiti «corrotti e degenerati» nei comunicati, potrebbe portare a purghe di massa. Li Junru, ex vicepresidente della Scuola centrale del partito, ha detto che la riduzione dei ranghi degli iscritti era già  stata prospettata cinque anni fa, quando i membri erano 70 milioni e si pensava di tagliarne 10. «Ma non riuscimmo a decidere i criteri di qualificazione». Così nel dibattito sta circolando un’altra proposta: cominciare a fare pulizia dal Comitato centrale, perché «molti dirigenti parlano bene in pubblico, ma vivono con uno stile decadente». Xi Jinping ha lanciato il sasso nello stagno, ma, come dicono i cinesi: «Un solo sasso fa molte onde».


Related Articles

Cina, corsa al riarmo La spesa militare cresce del 10 per cento

Il presidente Xi si garantisce anche la lealtà dell’esercito

Benvenuti a Killer City

Sul confine tra Messico e Stati Uniti, è conosciuta come la città  con il più alto tasso di omicidi al mondo. Ma la guerra in corso tra narcotrafficanti cela un altro pezzo di verità . Prodotto finale di un radicale esperimento economico, oggi Ciudad Juà¡rez è anche l’eldorado di export e outsourcing. Ecco come le facce di una stessa medaglia si nutrono l’una dell’altra 

L’ascesa e la caduta di un leader

Le tremende accuse di cui Dominique Strauss-Kahn deve rispondere sono un colpo mortale alla sua immagine di uomo e alle sue ambizioni politiche. Ma— fatto ancora più grave e devastante — l’imbarazzante arresto di un leader di statura e responsabilità  mondiale incrina l’immagine della Francia che in qualche modo rappresenta, stravolge l’imminente corsa elettorale per l’Eliseo e provoca un momentaneo vuoto di potere al vertice del Fondo monetario.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment