Il pm: «Provenzano coperto da Mori»

Il presunto «patto» con Cosa nostra (per cui pure Mori è imputato nel processo che comincerà  tra due mesi in Corte d’assise), entra nel processo giunto alle battute finali per la mancata cattura di Provenzano nell’ottobre ’95.
In apertura della requisitoria con cui chiederà  â€” nelle prossime udienze — la condanna di Mori e dell’ex colonnello del Ros Mauro Obinu, il pm ha sottolineato il legame tra l’episodio dell’arresto possibile e non avvenuto e la pax mafiosa raggiunta dopo le stragi del ’92-’93, di cui «Provenzano era il garante sul fronte mafioso». Per questo doveva restare libero, nonostante il colonnello del Ros Michele Riccio avesse fornito informazioni precise per fermarlo tramite l’informatore Luigi Ilardo, che aveva consentito importanti operazioni fin quando Riccio era in servizio alla Dia. Poi Riccio passò al Ros e «l’indagine è stata affossata». Infine Ilardo decise di divenire un «pentito» a tutti gli effetti, ma fu assassinato «in un delitto ancora misterioso, a diciotto anni di distanza».


Related Articles

«Viaggi e fuoriserie, così spendevano il doppio delle entrate dichiarate»

Ci hanno pensato le denunce dei redditi a confermare che qualcosa non quadrava a Venezia, dove mercoledì è esplosa l’inchiesta legata al Mose con 35 arresti

Bersani attacca: inadeguata e iniqua

Ma Di Pietro vede “luci e ombre”. Critico il Terzo Polo: c’è solo un aumento di imposte

M5S sfila contro la povertà e accantona la lotta all’euro

Duello con FI. Rai, polemiche per le parole di Mentana sul blog

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment