Mafia, corruzione e evasione “rubano” ai cittadini 500 miliardi di euro

ROMA – Animare i territori, portare la cultura dell’antimafia ma anche proporre una discussione urgente sul tema dell’illegalità  economica come uno dei principali fattori che comprime e “sequestra” la crescita e lo sviluppo in Italia, con un furto ai cittadini onesti che è stato stimato nella cifra da capogiro di 500 miliardi di ero. Sono gli obiettivi della Carovana Anti-Mafia 2013 presentata questa mattina a Roma. Alla sua sedicesima edizione, l’iniziativa itinerante promossa da Arci, Libera e Avviso Pubblico avrà  uno speciale focus sui temi della lotta alla corruzione e sull’importanza dell’uso e della valorizzazione dei beni confiscati alla mafia. La carovana partirà  da Tunisi in cui, da oggi al 30 marzo, si svolgerà  il Forum Sociale Mondiale: il 30 pomeriggio i due furgoni della Carovana si imbarcheranno su un  traghetto che li porterà  in Sicilia e da lì nelle altre regioni italiane e nel sud della Francia, per un viaggio di 70 tappe che durerà  69 giorni.

Appartengono a diversi settori della criminalità  e provengono da diverse fonti i dati che hanno portato alla stima dei 500 miliardi, da parte del gruppo di lavoro della Carovana Antimafia, come cifra indicativa del furto di mafia, corruzione e evasione fiscale ai danni dei cittadini onesti: 10 miliardi di euro è il valore stimato dei profitti illegali in agricoltura; 3 miliardi il business delle zoomafie; 6,7 miliardi è il fatturato della contraffazione, che sottrae anche 110.000 posti di lavoro regolari, 60 miliardi sono sottratti in Italia dalla corruzione che aumenta anche del 40-50% il costo delle opere pubbliche; il fatturato delle ecomafie è di 9,4 miliardi di euro e 160.000 sono le imprese commerciali soggette a estorsione; l’ampiezza dell’economia sommersa è tra i 255 e i 275 miliardi di euro; il fatturato delle mafie italiane è valutato tra i 150 miliardi di euro stimati dalla Commissione parlamentare antimafia e i 25,7 miliardi calcolati da Transcrime.

“Chiediamo il rilancio delle buone norme di contrasto alla mafia”, ha sottolineato nella conferenza di presentazione Alessandro Cobianchi dell’Arci, coordinatore della carovana, “e per questo siamo a fianco una parte importante dell’Antimafia, quello giudiziaria”. E’ poi intervenuta Anna Canepa, procuratore della Direzione nazionale antimafia e vice presidente dell’Associazione nazionale magistrati, affermando come “la magistratura è aiutata da iniziative come la carovana, che porta consapevolezza e conoscenza” e come in un momento di crisi economica, in cui “l’unico settore che non conosce crisi è proprio la criminalità  che ha necessità  reinvestire denaro liquido”, sia fondamentale “fare conti in tasca alle mafie”, per poterle seriamente ostacolare.

“Non è casuale la partenza della carovana da Tunisi quest’anno”, ha detto Tonio dell’Olio, responsabile di Libera Internazionale: “Il motivo non è solo il workshop sull’anti-corruzione che sarà  tenuto al World Social Forum di Tunisi il 30 marzo” ha detto, “ma c’è anche il fatto simbolico che l’Italia e la Tunisia occupano esattamente il 72° posto a pari merito nella classifica di Tranparency International sulla corruzione”. “La corruzione e le sue connivenze con il potere politico, è proprio l’elemento che distingue la criminalità  mafiosa da quella semplice”, ha detto dell’Olio, “la corruzione non è cosa altra da mafie ma altra faccia medaglia”. (lj)

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Milano, sgomberato il campo rom di Pessano con Bornago

Ci vivevano una trentina di persone. Finora nessun ente ha proposto soluzioni a lungo termine “Se ne riparlerà  a settembre”, dice l’amministrazione comunale. Rifiutata la possibilità  di un alloggio alla Casa della Carità 

Arrivano i bond sociali più forza al terzo settore servizio civile per 100 mila

Oggi il disegno di legge delega con uno sforzo iniziale di 300 milioni- Sarà stabilizzato il 5 per mille, fisco più leggero per i “titoli finanziari etici”

Telefonate e favori a Balducci e Bisignani quei super funzionari confermati dal governo

Il capo struttura dello Sviluppo economico risulta beneficiario di fondi da Anemone per una casa data a figlia e genero. I nomi di Fortunato, Nastasi, Incalza e Colosimo sono negli atti delle inchieste sulla P4 e sugli appalti dei Grandi eventi 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment