Plan Condor, l’Argentina mette gli Usa alla sbarra

Così decisero di finanziare, appoggiare e unire in una rete sovranazionale le peggiori destre para-fasciste del Cono Sud, che dì li a poco avrebbero preso il potere nei rispettivi paesi. Oggi l’Argentina è il primo paese ad accusare indirettamente gli Stati Uniti di aver aiutato quei governi illeciti. Per farlo, chiama a giudizio 25 ufficiali in congedo, di cui i più famigerati sono senza dubbio gli ex dittatori Jorge Videla (nella foto) e Reynaldo Bignone, accusati di aver sequestrato illegalmente 103 persone di varie nazionalità  sudamericane, in favore dei propri interessi controrivoluzionari e di quelli dei paesi limitrofi, facendone in molti casi sparire per sempre le spoglie. Prima del processo, che si prevede durerà  2 anni, sono già  emersi i particolari più tragici, le torture, gli stupri e gli omicidi. Tuttavia, una questione tecnica impedisce che l’omicidio e le vessazioni vengano inseriti nei capi d’accusa. Sarà  invece messo agli atti un vecchio dispaccio diplomatico dell’ambasciata Usa a Buenos Aires, in cui, distrattamente, si menziona il Piano Condor, confermando l’esistenza della struttura clandestina e smentendo i suoi esecutori sudamericani, che hanno sempre detto di aver agito d’iniziativa e tasca propria.


Related Articles

“Non ci saranno strappi” Syriza pronta a negoziare e la Ue tende la mano “Piena fiducia nel voto”

Grecia. Il partito di estrema sinistra Syriza punta a chiudere con l’austerità ma eviterà di scontrarsi sull’uscita dalla moneta unica

La UE vara task force per il Coronavirus, per l’Ocse si rischia la recessione

Il Centro europeo di prevenzione e di controllo delle malattie ha classificato il rischio diffusione da «moderato» a «alto»

Il Nobel alla democrazia tunisina premiati i quattro eroi del dialogo

“Hanno salvato la Rivoluzione” Gioia nelle strade della capitale L’appello: “Ora non lasciateci soli”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment