Poggioreale, tre morti in un mese. Antigone: “Urgente intervenire”

NAPOLI – Nel solo mese di febbraio sono morti, per cause da appurare, tre detenuti nel carcere di Poggioreale, nel quale sono reclusi circa 2.781 persone su una capienza di 1.679 posti. Lo rende noto Mario Barone, presidente dell’associazione Antigone-Campania. “Il 1 febbraio 2013 C.D., già  ricoverato al Centro clinico interno al carcere di Poggioreale, è deceduto dopo un ricovero urgente al Loreto Mare. F.M. è morto il 6 Febbraio 2013 in ospedale, dove era stato ricoverato dal 26 gennaio 2013. R.F. è deceduto a seguito di un malore in istituto il 16 febbraio 2013:  il 118 ne ha constatato il decesso”. Questa la drammatica sequenza di morti secondo il portavoce
dell’associazione.

“È davvero un dato preoccupante – ha detto Barone – la sequenza di tre decessi per ragioni legate alla salute. Nei primi due casi, il ricovero in una struttura ospedaliera extra-muraria, avvenuta solo pochi giorni prima del decesso, solleva non pochi interrogativi sugli standard delle prestazioni sanitarie rese all’interno del carcere. Per quanto riguarda l’ultima morte improvvisa, ci chiediamo quali siano le procedure previste nei casi di emergenza e quali interventi di pronto soccorso si attivino in attesa dell’arrivo dei sanitari del 118”.

“Nonostante siano passati cinque anni dal passaggio della sanità  penitenziaria dal Ministero della Giustizia alla competenza delle A.s.l. – continua Barone – ad oggi, non abbiamo dati affidabili e certi sui quali effettuare un monitoraggio. Secondo le nostre stime oltre il 60% dei detenuti presenta una patologia cronica. La tutela della salute in carcere rimane una zona grigia dei diritti fondamentali del detenuti”.

“Il nuovo Parlamento – ha concluso il presidente campano di Antigone – dovrà  occuparsi, non solo delle drammatiche condizioni di sovraffollamento carcerario che hanno portato l’Italia ad essere condannata dalla Corte europea dei diritti dell’Uomo, ma anche della tutela del diritto universale alla salute all’interno degli istituti di pena. Noi da subito segnaleremo questi decessi al Garante campano dei diritti dei detenuti e al Presidente della Commissione Sanità  e Sicurezza sociale del Consiglio regionale perché se ne approfondiscano le cause e le dinamiche”.
 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Torture in carcere: i depistaggi dopo «la mattanza»: falsificati foto, video, referti medici

L’inchiesta sul carcere di Santa Maria Capua Vetere. Negli atti del gip le prove della manipolazione a opera degli indagati per giustificare la «perquisizione». Messaggi anche tra il provveditore Fullone e l’allora capo del Dap, Basentini, che al primo risponde: «Hai fatto benissimo»

Grillo in marcia: siamo 50 mila Accuse per l’attacco a Veronesi

La Perugia-Assisi del M5S. Lorenzin: sulle mammografie parole sconcertanti

Milano, la città ha paura ma i reati calano

La sfida della Moratti dopo i raid anti-zingari di Opera (la Repubblica, GIOVEDÌ, 15 MARZO 2007, Pagina 15 – Cronaca)

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment