Il terremoto trasportato da Dubai all’India con un «treno» di onde

«L’estensione così ampia di oltre 1.500 chilometri — spiega Gianluca Valensise, dirigente dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia Ingv — è dovuta soprattutto a tre cause riguardanti l’intensità  del sisma, il tipo di onde con le quali si è trasmesso e la profondità  dell’ipocentro dove è nato».
Il valore della magnitudo registrata, pari a 7,8 della scala Richter, dice da solo la violenza con la quale la terra ha tremato. Questo aspetto, unito alla profondità  non grandissima (82 chilometri) ma rilevante del sottosuolo dove è avvenuta la lacerazione della crosta ha scatenato un treno di onde a frequenze basse in grado di essere percepite il regioni molto lontane dal luogo in cui si manifestano.
«Questo tipo di onde viaggia quasi indisturbato nella litosfera terrestre» nota Valensise. Ne risentono i piccoli edifici mal costruiti che crollano e i grattacieli, in modo particolare, che tremano ma resistono, perché le loro strutture sono concepite in modo flessibile secondo le norme antisismiche.
Tutta l’ampia regione è ben nota per la sua altissima sismicità , la più elevata della Terra. Qui si è sulla linea di sutura tra le placche africana e indiana con quella euroasiatica. Di mezzo c’è poi la placca arabica che scivola e si inabissa sotto l’Iran. Questa grande zolla si sposta alla velocità  di 3,7 millimetri l’anno rispetto alla placca euroasiatica. Insomma, un inferno crostale in perenne movimento che per questo, negli ultimi decenni ma anche in un passato più remoto, ha scatenato mortali terremoti.
Già  la scorsa settimana aveva fatto notizia un sisma con la magnitudo di 7,2, quindi quasi uguale all’attuale, con epicentro a duecento chilometri e nei pressi di una centrale nucleare che per fortuna non ha subito conseguenze. Ancora più vicino, a soli cinquanta chilometri, nel 1983 un sisma di 6,7 di magnitudo aveva colpito la stessa zona.
Purtroppo la storia racconta vicende drammatiche per tutti i Paesi dell’area. A partire dal 1505 quando l’intera Kabul, in Afghanistan, veniva rasa al suolo assieme a tutti i villaggi circonstanti. Oppure, in epoche più ravvicinate, nel maggio 1935, quando la terra sussultava con la forza di 7,6 della scala Richter a Quetta, in Pakistan, uccidendo circa cinquantamila persone. Un’altra data che non si dimentica è il 27 novembre 1945: la spinta della terra animata da un potentissimo terremoto di magnitudo 8 innescava uno tsunami nel Golfo di Oman e nel Mare Arabico uccidendo quattromila persone. L’elenco potrebbe tristemente continuare. «Basta guardare dall’alto come il grande territorio sia corrugato — nota Valensise — per capire le forze in gioco che nella storia geologica del pianeta hanno agito spesso in modo infausto».
Le grandi montagne in Pakistan e in Afghanistan sono il risultato delle compressioni tettoniche che avvengono tra le diverse placche, associate con la collisione della placca indiana che procede verso nord guadagnando 40 millimetri all’anno rispetto alla placca euroasiatica. È così che in quella terra tormentata sono nate le più alte vette del mondo: dall’Himalaya al Karakorum al Pamir.
«Ma proprio le potenti compressioni sotterranee hanno favorito pure la formazione del petrolio, rendendo quelle nazioni potenzialmente ricche», conclude Gianluca Valensise.
Data l’intensità  dei sismi che i vari secoli raccontano, i disastri e le vittime potrebbero essere ancora peggiori, se vaste aree di quelle regioni non fossero desertiche e disabitate. Ma spesso dove la violenza della natura si manifesta la povertà  della vita rende ancora più gravi i bilanci di un inesorabile destino.


Related Articles

Dieselgate. L’altra faccia delle industrie fossili

Fiat-Chrysler. È presumibile che la nuova amministrazione statunitense cercherà di difendere gli interessi fossili e petroliferi

La battaglia No Triv riparte con più forza

Quasi 16 milioni alle urne, altro che «referendum bufala». La rabbia dei No Triv della Lucania, unica regione in cui è stato raggiunto il quorum. Scoperchiato il vaso di Pandora delle concessioni scadute: il ministero sapeva

Green economy. Il vertice di Rio tra speranze e preoccupazioni

Il 5 giugno si è celebrata la Giornata Mondiale dell’Ambiente. Quella del 2012 si terrà  in Brasile a Rio de Janeiro e come slogan porterà  un quesito: “Economia verde: ti include?”.

La manifestazione impone a tutti gli abitanti della Terra una riflessione sul livello di implicazione di ciascuno in questo nuovo settore dell’economia, quanto meno perché, in un contesto di crisi mondiale, potrebbe rappresentare una boccata d’aria fresca.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment