BAHRAIN Scompare in carcere attivista per i diritti umani

Colleghi e amici di Rajab, uno degli esponenti di punta della società  civile bahranita, hanno denunciato ieri che da quattro giorni la moglie, Sumaya, non ha più avuto notizie dell’attivista. Secondo quanto riferito da altri detenuti politici, Rajab sarebbe stato messo in isolamento per avere protestato per le molestie che subiva da giorni dalle guardie carcerarie. Il ministero dell’Interno si è limitato a comunicare sul suo sito web che Rajab «non è scomparso» e che sta scontando «regolarmente» la sua condanna. Crescono i timori anche per la sorte di un altro attivista dei diritti umani, Naji Fateel, della Società  del Giovani del Bahrain, arrestato il 2 maggio e che sarebbe stato torturato sotto interrogatorio.
La monarchia al Khalifa, stretta alleata degli Stati uniti, è tornata ad usare il pugno di ferro dopo aver promosso nei mesi scorsi il «dialogo nazionale» con alcune formazioni dell’opposizione. Negli ultimi giorni si sono moltiplicati soprattutto gli arresti di blogger e attivisti della rete. A ciò si aggiunge il permesso negato dalle autorità  di Manama all’ingresso nel Paese del Rapporteur dell’Onu sulla tortura Juan Mendez, atteso in Bahrain questa settimana. «È stato un colpo durissimo per tutte quelle realtà  della società  civile che volevano presentare a Mendez un quadro preciso delle violazioni e degli abusi che sono commessi nel Paese», ha detto al manifesto la giornalista Reem Khalifa. «Purtroppo – ha aggiunto Khalifa – dobbiamo constatare la scarsa attenzione del mondo verso la lotta che il popolo del Bahrain porta avanti da anni in nome della democrazia e dei diritti».
(michele giorgio)


Related Articles

Classe-ghetto, scontro tra Pisapia e la Gelmini

Il sindaco di Milano: “Chiuderla perché ci sono solo stranieri è una discriminazione”. Appello ai genitori della zona di San Siro a iscrivere in quella elementare i propri bambini 

Svelati i volti dietro i cappucci ecco i prigionieri di Abu Ghraib

Dieci anni dopo lo scandalo, vengono esposti a New York i ritratti dei detenuti. torturati nel carcere Usa di Abu Ghraib in Iraq: una ferita aperta nella memoria degli americani

Mattanza al confine di Ceuta, uccisi 13 migranti

? il muro di Ceuta © Reuters

Tra Europa e Africa. La polizia spagnola respinge «l’assalto» degli immigrati alla frontiera sparando nel mucchio. Secondo le ricostruzioni giovedì gruppi di immigrati sarebbero stati colpiti in mare da pallottole di gomma (ma anche di piombo) mentre cercavano di aggirare il confine spinato. Il governo prova a negare l’uso delle armi, ma è bufera sul ministro dell’interno Fernandez Diaz. L’opposizione ne chiede le dimissioni

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment