Deficit, l’Italia supera l’esame Ecco le sei condizioni di Bruxelles

BRUXELLES — Se tutto andrà  come previsto, oggi all’ora di pranzo l’Italia troverà  sulla tavola della Commissione europea un piatto sostanzioso, e importante: la fine della procedura di infrazione per deficit eccessivo, comminata da Bruxelles 4 anni fa. Come per altri Paesi, anche per il nostro terminerà  quella sorveglianza tutta particolare che imbriglia investimenti e spese non appena un governo superi il limite massimo posto dalla Ue per il rapporto fra deficit e prodotto interno lordo nazionale, e cioè il 3%. Per l’allentarsi della morsa (ma le restano comunque sul groppone 98 procedure per altre infrazioni) l’Italia vedrà  dunque liberarsi una certa somma, stimata dai 7-8 miliardi in su: una somma che consentirà  qualche respiro di sollievo, ma per ora autorizza un brindisi fatto con spumante casalingo, non certo una sbornia di champagne. Il pieno impatto positivo di queste misure, ha avvertito infatti il primo ministro Enrico Letta, si vedrà  solo a partire dal 2014. «Potremo cancellare il prossimo aumento di un punto dell’Iva?», è stato chiesto ieri al ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni. «Adesso concentriamoci sugli investimenti», è stata la risposta senza giri di parole. Stessa musica, si presume, per l’abolizione — non solo sospensione — della tassa Imu. C’è anche Giorgio Squinzi, presidente della Confindustria, che suggerisce di usare 8 miliardi per pagare i debiti della pubblica amministrazione. Tutte le proposte convergono su Bruxelles. E qui, possono solo attendere alla porta di un giudice più gallonato. Poiché fino al 2014 e oltre, la Ue riaffermerà  le sue priorità : sì condizionato a investimenti infrastrutturali cofinanziati con Bruxelles, no a tagli-regalie di tasse, niente superamenti del solito tetto del 3%. Intorno al quale, però, Roma potrà  ritagliare una parte di risorse. Nel 2009, quando venne fulminata dalla procedura di infrazione, l’Italia aveva un deficit pari al 5,3% del Pil e un debito pubblico del 115,1%. Oggi, il deficit per il 2013 è previsto al 2,9%, e per il 2014 al 2,5%, mentre il debito pubblico volerà  al 132%, oltre il doppio della media europea. La caccia al “tesoretto” avverrà  tutta fra un decimale e l’altro: non essendo più fra i “sorvegliati speciali” incatenati dalla procedura di infrazione, l’Italia potrà  allargarsi un po’ di più, perché fra il suo 2,5% “virtuoso” e il tetto del 3%, ci sarà  un po’ di spazio in cui giocare. Un mezzo punto percentuale in più di risorse per tamponare le falle contrassegnate dall’allarme rosso, il lavoro e la crescita. Senza però disobbedire ai 6 comandamenti che Bruxelles consegna oggi all’Italia. Si riassumono in uno solo: conti in ordine, e basta ricreazioni.

Luigi Offeddu


Related Articles

Il Papa e i Movimenti popolari. L’esodo possibile qui da noi

Una Terra senza male, una casa da cui nessuno possa cacciarti, un lavoro giusto e dignitoso. Tierra, techo y trabajo, terra, casa, lavoro sono le 3T del Papa, da garantire a tutte e tutti

Imprese e case, il Paese dei mille sportelli «unici»

Ora debutta il «Desk Italia» dopo la «cabina» per le attività  produttive

Giù le tasse e nuovi posti di lavoro. Tutte le (mancate) promesse elettorali

 Il Cavaliere nel ’94: aliquota unica al 30%. Prodi: Fisco amico. Ma arriva l’eurotassa

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment