«Palestina» in homepage, Google fa irritare Israele

Lo Stato però ancora non risulta sulle mappe online del colosso digitale, che restano ferme alla formulazione Cisgiordania, indicata da una linea tratteggiata senza confini definitivi tracciati. «Cambieremo il nome su tutti i nostri prodotti», commenta Nathan Tyler, portavoce di Google. Che spiega: «Prima della modifica, abbiamo consultato le organizzazioni internazionali: dall’Onu all’Icann, che definisce i domini Internet».
Sabri Saidam, consigliere del presidente palestinese Abu Mazen, esulta per la decisione e la considera tra i primi risultati del voto all’Onu. Il riconoscimento diplomatico nel pianeta virtuale non piace invece agli israeliani. «Google non è un’entità  politica — reagisce Yigal Palmor dal ministero degli Esteri — e i dirigenti possono scegliere di chiamare come preferiscono quello che gli pare: non ha valore. Detto questo, dobbiamo chiederci perché abbiano voluto prendere questa posizione e capire se una società  privata abbia diritto di entrare in una questione così controversa».
Dopo il voto all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, anche il Vaticano ha cominciato a riferirsi allo Stato di Palestina nella corrispondenza e nei comunicati ufficiali, come quello che annunciava i negoziati di gennaio. Per ora a Ramallah hanno stampato i francobolli con la nuova intestazione, ma Abu Mazen ha bloccato l’emissione dei passaporti per paura di divergenze con alcune nazioni e soprattutto di difficoltà  ai passaggi di controllo con Israele, dove i soldati potrebbero non riconoscere il documento.
Il governo di Benjamin Netanyahu si è opposto alla decisione dell’Onu e continua a ripetere che uno Stato può nascere solo dopo un accordo e la definizione dei confini. Le trattative sono però congelate da quasi quattro anni. Ieri Tzipi Livni, il ministro della Giustizia incaricata di seguire il dialogo con i palestinesi, è volata a Washington per incontrare John Kerry. Il segretario di Stato americano spinge perché i colloqui ripartano e ha deciso di sostenere quella che viene chiamata «iniziativa di pace saudita», anche perché adesso la Lega Araba ha annunciato di essere pronta a inserire dei cambiamenti nel piano: scambi di territori che potrebbero permettere a Israele — come chiede — di mantenere il controllo sui grandi blocchi di insediamenti.
Davide Frattini


Related Articles

Sánchez alla guida del governo in Spagna, verso il monocolore socialista

Spagna. Battuto Rajoy: con 180 Sì, 169 No e un’astensione, per la prima volta nella storia del Paese passa una mozione di sfiducia

I nuovi documenti sullo scandalo nel Partito Popolare spagnolo

I nuovi documenti sullo scandalo nel Partito Popolare spagnolo

Li ha pubblicati El Mundo, mostrano presunte donazioni e transazioni economiche irregolari e coinvolgono anche il primo ministro, Mariano Rajoy

I ribelli di Mosca

I nuovi oppositori al regime di Putin sono ragazzi normali che usano Internet. Combattono contro corruzione e ingiustizie. E hanno un seguito
Mentre il leader russo si ricandida al Cremlino e Medvedev silura il ministro delle Finanze Kudrin, loro continuano imperterriti le loro battaglie. Viktor protesta contro le infrazioni delle auto blu, Evgenia difende la foresta che circonda casa sua. Mentre Aleksej denuncia i corrotti. Sono i nuovi eroi popolari russi. Hanno migliaia di sostenitori su Internet. Un seguito che comincia a far paura. Persino al governo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment