Missione impossibile

Qualcuno spera che l’annunciata fine della procedura di infrazione sul deficit per il Bel Paese permetta un più ampio margine di manovra, dimenticando però i nuovi vincoli imposti sul debito e sulla spesa dalla stessa Unione europea.
Così, in nome delle larghe intese, ci si arrovella sulla sospensione dell’Imu sulla prima casa, sul congelamento dell’aumento dell’Iva e sull’incombente nuova tassa Tares sui rifiuti. Una «manovra» di almeno 12 miliardi che si vorrebbe fare avvenire senza spostare di una virgola i vincoli di bilancio imposti da Bruxelles. Allo stesso tempo si vorrebbe iniziare a ridurre il debito di altri 25 miliardi di euro, come previsto dal nuovo Trattato fiscale. Senza parlare della necessità  di rifinanziare la cassa integrazione, continuare a pagare i crediti verso le imprese, salvare gli enti locali in bancarotta (sempre più numerosi) e rilanciare gli investimenti pubblici in maniera anti-ciclica. E’ vero che lo spread è oggi più basso, ma il pagamento del servizio sul debito pesa sempre in maniera eccessiva.
È allora lecito chiedersi da dove derivi l’ottimismo del governo Letta di fronte a quella che sembra una mission impossible. E’ chiaro che non siamo in un film di Hollywood – nonostante la narrativa buonista dei media mainstream sull’esecutivo nuovo di zecca – e i supereroi non sono tollerati da Bruxelles.
Il tour europeo di presentazione del primo ministro conferma che dopo tanto sbraitare bipartisan contro la Merkel in campagna elettorale, nessuno osa mettere in discussione gli odiosi vincoli europei, limitandosi a sognare un’impossibile ricomposizione di rigore allentato e crescita da finanziare senza nuovi soldi. Una litania che ci perseguita dal 2009, dal vertice del G20 di Londra, senza produrre alcun risultato. Per altro le larghe intese italiane escludono le uniche carte da giocare per rialzare la china: tassare maggiormente le rendite finanziarie e i patrimoni, se non tornare a controllare i movimenti di capitale per contrastare l’evasione fiscale internazionale.
È chiaro che, se il governo reggerà  ai suoi primi mesi di gestazione politica, non potrà  che ricorrere all’ennesima ondata di privatizzazioni per fare cassa e pagare così un po’ di nuovi investimenti pubblici e qualche misura di welfare. Per esempio non si aumenteranno i ticket sanitari, se però si svenderanno immobili pubblici e partecipazioni in utility che forniscono servizi pubblici locali. Tali scelte saranno annunciate come ineluttabili e per il bene dei cittadini, in maniera ovviamente bipartisan. Come insegna l’esperienza del governo Amato «di emergenza» nel 1992, i diciotto mesi che si è dato Enrico Letta bastano per pianificare le privatizzazioni dei prossimi venti anni.
Re:Common


Related Articles

La troika vede «rosso»

Hai voglia a pen­sare che la Ger­ma­nia si pre­para a gestire con qual­che con­ces­sione con­cor­data il nuovo corso greco, a soste­nere che tutto

Ttip e Tpp, i grattacapi «interni» per Obama

Stati uniti. Sui trattati il presidente ha la sinistra democratica e i sindacati contro. E i repubblicani e le multinazionali al suo fianco

La riforma infinita del lavoro

La domanda è semplice: le nuove regole sui licenziamenti devono essere valide per tutti i lavoratori dipendenti oppure a quelli pubblici deve essere riservato un trattamento diverso e in sostanza più favorevole?

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment