Sotto ai manganelli della polizia c’è la parte più bella del paese

Che tutti noi avremmo avuto un «kit di resistenza » fatto di latte, limone, aceto, maschere antigas, maschere subacque e crema antiscottatura. Che «un curdo, un musulmano anticapitalista e un nazionalista che preparano panini tutta la notte nel garage di un lussuoso albergo» non era una barzelletta ma la realtà. Che avremmo visto i tifosi del Besiktas, del Galatasaray e del Fenerbahçe abbracciati cantare insieme. Che con i nostri reggiseni in faccia per proteggerci dai lacrimogeni avremmo gridato «Sparate ancora che fa bene alla pelle!». Che avremmo giocato a tennis con le pallottole dei lacrimogeni. Che in tre minuti – ripeto, tre minuti – saremmo stati capaci di creare catene umane di decine di metri per spegnere incendi, portare medicinali, coperte, panini. Che dopo anni e anni di incomprensioni, separazioni e disinformazione ci saremmo guardati in faccia senza pregiudizi. E che tutto questo lo avremmo fatto senza alcun leader, avrei riso a crepapelle per ore, ore ore ore ore e ore.
(attrice turca)


Related Articles

Egitto, un altro morto in carcere: è il fotografo e regista Shady Habash

Era in carcere dal marzo 2018 per aver realizzato il video di una canzone (intitolata ‘Balaha’) che sbeffeggiava apertamente il presidente criticando senza sconti i primi quattro anni di governo al-Sisi alla vigilia delle elezioni

Respinto chi vuole aiutare i palestinesi

Oggi la sentenza per l’uccisione della pacifista Rachel Corrie Anche l’ambasciatore statunitense, Shapiro, bolla l’inchiesta sull’omicidio di Rachel come «una farsa»

A Hong Kong si riapre il dialogo tra governo e studenti

Asia. Sei agenti sospesi dopo gli scontri. Il “chief executive” Leung: ma la linea sul suffragio non cambia

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment