Brasile Un milione in piazza

A Rio de Janeiro hanno manifestato almeno 300mila persone. Le proteste, cominciate in maniera pacifica, sono degenerate quando un gruppo di manifestanti ha provato ad avvicinarsi al municipio della città: la polizia ha usato gas lacrimogeni e proiettili di gomma per disperdere la folla e ci sono stati almeno 62 feriti, alcuni gravi.

A Ribeirão Preto (315 chilometri da São Paulo) un ragazzo di 18 anni è morto mentre partecipava alle proteste, investito da un’automobile che cercava di passare in mezzo ai manifestanti. Nella città, spiega il quotidiano Folha de São Paulo, stavano protestando 25mila persone.

La presidente Dilma Rousseff ha annullato un viaggio ufficiale in Giappone e ha convocato una riunione d’emergenza del governo il 21 giugno.

La voce della maggioranza. “La maggioranza silenziosa dei brasiliani ha trovato la sua voce e ora Dilma Rousseff, che vuole essere rieletta nel 2014, deve dimostrare di saper ascoltare e rispondere alle richieste con concretezza ed empatia”, scrive il New York Times in un editoriale che sottolinea che il Brasile è la settima potenza mondiale, ma è ancora ai primi posti per le disuguaglianze.

“I brasiliani hanno capito che dietro il mito pericoloso della nuova classe media e della crescita economica, c’è la vita reale dei lavoratori che è ancora molto difficile: sanità e istruzione non hanno risorse economiche, i trasporti sono costosi e fatiscenti, le città malsane, trafficate e violente”, scrive il sociologo brasiliano Ricardo Antunes sulla Folha.


Related Articles

Tra rivolta e restaurazione

Una tappa della Primavera incompiuta resta impunito il saccheggio dell’Egitto Sull’ex raìs l’incognita dello scontro militari-Fratelli musulmani   Potrà  sperare nella clemenza se dal ballottaggio uscirà  vincente il suo ex premier Shafik 

Alla ricerca dell’ideologia perduta così Mosca reprime il dissenso

PUà’ sembrare soltanto una coincidenza. Ma i manuali di “cremlinologia”, una scienza che con Vladimir Putin al potere torna ad avere la valenza interpretativa perduta con il crollo dell’Urss, insegnano che quasi nulla è casuale nel Cremlino e dintorni.

La protesta sindacale finisce in battaglia: dirigente aziendale ucciso in India

Centinaia di poliziotti sono schierati da ieri davanti allo stabilimento automobilistico Maruti Suzuki di Manesar, una 50ina di chilometri dalla capitale indiana New Delhi. Un dirigente aziendale morto, oltre 70 feriti e un centinaio di lavoratori arrestati – e parte dello stabilimento incendiato – sono il bilancio, finora, del conflitto industriale esploso mercoledì sera. 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment