Parigi, uno studente di sinistra ucciso dai naziskin

PARIGI — È morto a diciott’anni. Un ragazzino dall’aspetto fragile, ammazzato da un gruppo di naziskin durante una rissa tra militanti di estrema destra e di estrema sinistra, nata per caso durante una vendita di abiti. Una tragedia che ha provocato un vero shock nella capitale, che non è abituata a scene di tale violenza nel centro storico. Probabilmente, gli assassini cercavano solo lo scontro fisico, ma la bestialità della loro aggressione lascia senza fiato la città e la classe politica. Sette persone sono state fermate ieri pomeriggio, l’omicida ha detto che non aveva intenzione di ammazzare Clément Méric, iscritto a Sciences Po, militante di un gruppetto “antifascista”.
Teatro della rissa, l’altroieri pomeriggio, è stata la zona pedonale dietro i grandi magazzini del boulevard Haussmann. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, Clément, insieme a qualche amico, si trovava in un appartamento per una vendita privata di abiti, apparentemente graditi ai militanti estremisti, di destra e di sinistra. A un certo punto sono arrivati due o tre naziskin (fra loro ci sarebbe stata anche una donna). È cominciato un alterco, i ragazzi si sono dati appuntamento fuori per battersi. Le tre teste rasate hanno chiamato rinforzi, la rissa è iniziata subito, violentissima. Forse colpito con un tirapugni, Clément Méric, prima di cadere a terra, ha sbattuto violentemente contro un palo. Perdeva sangue dal naso e dalle orecchie. Gli aggressori sono fuggiti, il ragazzo è stato trasportato in ospedale, dove le sue condizioni sono apparse subito disperate: verso mezzanotte, i medici hanno dichiarato la morte cerebrale e il ragazzo ha cessato di respirare nel pomeriggio di ieri.
Il presidente Hollande ha condannato «con la più grande fermezza l’aggressione», e in serata, la sinistra ha manifestato nel Quartiere latino, mentre tutta la classe politica ha espresso il suo sconcerto. Anche Marine Le Pen ha preso le distanze con i gruppuscoli di estrema destra («che non hanno niente a che vedere con il Fronte nazionale») e si è detta d’accordo, a certe condizioni, con il loro scioglimento. In molti, a sinistra, hanno chiesto il divieto di alcuni movimenti violenti, protagonisti di bagarre e aggressioni negli ultimi anni in alcune città di provincia. Una misura che serve a ben poco, visto che possono ricomporsi sotto un altro nome. Ma secondo molti politici l’uccisione del giovane Clément Méric è anche l’espressione della tensione sociale nel paese, cresciuta durante le manifestazioni contro il matrimonio gay e alimentata dall’attivismo di molti militanti di estrema destra.


Related Articles

Turchia: tra il Medio oriente e l’Europa, nel segno dell’ambiguità 

Manifestazione in Turchia – Foto da: peacereporter

In questi ultimi mesi il quadro politico internazionale vive una sorta di sospensione in attesa di qualche improvviso evento capace di rimescolare le carte. La grande crisi economica scoppiata nel 2008 non è stata superata anzi solamente adesso si cominciano a intravedere costi sociali: nei prossimi anni saranno invece le spinte inflattive e la tenuta dei conti pubblici a incidere a livello statale e globale.

Il Papa apre la Porta Santa a Bangui “Deponete le armi, vinca l’amore”

Francesco nella Repubblica Centrafricana scortato dai caschi blu. Ma non rinuncia all’auto scoperta

Francia, via la parola “razza” dalla Costituzione

Avviati i colloqui per una riforma bipartisan. Era una delle promesse elettorali di Hollande   

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment