L’ex agente Sabrina parla di Abu Omar «Il sì della Rice e i rifiuti di Pollari»

In una lunga intervista alla catena «McClatchy», la De Sousa, 57 anni, ha precisato i seguenti punti: 1) Jeff Castelli, capo stazione Cia a Roma e cervello dell’operazione, avrebbe ingannato i suoi superiori esagerando l’importanza di Abu Omar e sostenendo che c’era l’approvazione da parte italiana. 2) L’allora direttore della Cia, George Tenet, approvò l’azione anche se c’erano dubbi. 3) Condoleeza Rice, all’epoca consigliere per la sicurezza nazionale di George Bush, temeva conseguenze nel caso che gli agenti fossero stati scoperti ma alla fine caldeggiò il rapimento fino ai massimi livelli. 4) Il responsabile della Cia a Milano, Bob Lady, di recente fermato e poi liberato a Panama, aveva espresso il proprio dissenso, ritenendo che portare via Abu Omar fosse una cosa insensata.
Sabrina De Sousa, che per la prima volta ha ammesso di far parte della Cia, ha aggiunto di aver fatto da tramite tra il gruppo che doveva bloccare l’imam egiziano e il Sismi. Il nostro servizio militare — sempre secondo la sua versione — ha partecipato alla fase di preparazione ma si è poi tirato indietro. Almeno a livello ufficiale. Altre fonti statunitensi molto vicine al caso e non citate nell’intervista hanno confermato che vi sarebbe stato il coinvolgimento di qualche funzionario.
Nel racconto affidato a «McClatchy», Jeff Castelli avrebbe cercato di strappare il sì del direttore del Sismi Pollari ottenendo una serie di rifiuti. Da Washington, allora, chiesero altre garanzie: senza una collaborazione del governo italiano l’operazione non si poteva fare. A quelle obiezioni Castelli — secondo la De Sousa — ribatté: «Bene, ho parlato con Pollari e ha detto che non metterà nulla per iscritto. Però ha fatto l’occhiolino e poi ha annuito due volte… Sapete, con quell’occhiolino è come se avesse dato un tacito consenso».
Nella sua ricostruzione la donna-agente si sofferma sulla figura di Abu Omar e, pur ritenendo che fosse un militante, non rappresentava una minaccia immediata o tale da giustificare il suo sequestro. Tanto più che la polizia italiana lo teneva d’occhio in modo costante. Nei rapporti trasmessi da Jeff Castelli si parlava di un possibile attentato contro un obiettivo americano a Milano, però questo avveniva nel 2002 mentre l’imam fu portato via un anno dopo.
Per Sabrina De Sousa, oggi al centro di uno scontro legale con l’agenzia di intelligence e il Dipartimento di Stato, accusati di non averla tutelata, Usa e Italia hanno scaricato tutte le responsabilità su «un gruppo di persone» salvando invece chi aveva dato il via libera.


Related Articles

Strage di bambini afghani, gli Stati Uniti ammettono l’«orribile errore»

Stati uniti. Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone. Zamarai Ahmadi, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa, non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Nell’attacco dei droni del 29 agosto a Kabul sono morti 10 civili afgani, tra cui 7 bambini

Ebola, scatta l’emergenza internazionale

L’epidemia Ebola. Da Ginevra l’Oms rilancia l’allarme sulla diffusione del virus in Africa occidentale

Emergenza teppisti Cameron manda gli scout per combattere le gang

Il via da Tottenham, dove esplose la rivolta del 2011   Così dai quartieri a rischio il premier prova a fare rifiorire l’idea della Big SocietyIl progetto costerà  19 milioni di euro e punta ad aiutare i ragazzi delle aree disagiate 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment