Berlino, dove i single battono le famiglie

 

BERLINO — Capitale dei single e simbolo del declino demografico di una nazione, metropoli capace di attirare i giovani da tutta Europa, ma senza una vita familiare capace di guardare al futuro: fra i tanti volti di Berlino, c’è anche la sua realtà demografica, chiara e impietosa. I dati diffusi dall’Istituto nazionale di statistica sono senza appello: nella capitale tedesca, la metà delle famiglia è mononucleare, l’83,3 per cento conta al massimo due persone. Nel 1991 la loro percentuale era del 74,6. Una tendenza comune a tutte le grandi città, basti pensare a Parigi, dove le famiglie mononucleari sono più della metà. Sulla Sprea, tuttavia, le cose sono diverse: la Francia è il Paese con la più importante dinamica demografica, la Germania vede invece scendere inesorabilmente la fecondità delle coppie.
Berlino è oggi questo simbolo contraddittorio. Se le famiglie di una o due persone rappresentano la stragrande maggioranza della popolazione, questo significa che i giovani sono attratti dalla capitale, oggi forse la metropoli che richiama il maggior numero di artisti, con una vita notturna che ha pochi rivali, una rete creativa che stimola l’arrivo costante di start up.
La città, tuttavia, sembra assurgere a paradigma di un Paese minacciato da un fecondità risicata: appena il 2,2 per cento delle famiglie berlinesi è composta da almeno cinque persone.
La capitale indica un trend che, in misura minore, è evidente anche nelle altre grandi città: a Brema le famiglie di 1-2 persone
rappresentano l’82 per cento, ad Amburgo l’81. Ma a Berlino la crescita delle mini-famiglie, chiamiamole così, è di otto volte superiore a quella registrata nel grande porto anseatico. Il fenomeno riflette l’andamento nazionale: nel 1991, le famiglie tedesche erano composte in media da 2,27 persone, oggi da 2,02. E la frattura geografica è altrettanto chiara: scende la popolazione nei Länder della vecchia Germania orientale, resistono invece le regioni come il Baden-Württemberg, la Renania-Palatinato, la Baviera. I motivi delle differenze sono probabilmente molteplici (sviluppo economico, predominio della cultura cattolica o di quella protestante, diffusione dei servizi per le famiglie). Ma Berlino smentisce l’adagio secondo cui non si fanno figli quando c’è la crisi, come avviene nei Paesi del sud-Europa: nel Paese più virtuoso, più ricco e più dinamico del continente il futuro demografico è buio e solo l’immigrazione può riequilibrare nell’immediato l’invecchiamento e il declino della popolazione.


Related Articles

La Sentenza di Rignano Chiuda un Processo che non Doveva Iniziare

Finisce nel peggiore dei modi, con gli imputati che gridano contro i genitori e i genitori che insultano i giudici. Finisce male perché questo è un processo che forse non sarebbe mai dovuto iniziare.

Il gelo sociale

Neve a Roma

Fiocca copiosa la neve, ovatta l’udito e illumina la vista. Entra in scena come protagonista inattesa e impetuosa, ruba il proscenio ai pipponi economici e ci trascina nella forza della Natura, alimentando l’inquietante e ossessivo immaginario da Day After, con cui si è costretti a convivere da tempo.

«Quindici milioni di armi». L’Italia che ha paura

Le rapine violente nelle ville, gli assalti ai negozi, i furti continui, gli agguati per strada e la sensazione crescente di insicurezza. Quanto basta per armare privati cittadini rassicurati dall’idea che una pistola, all’occorrenza, diventi un buon deterrente per il malintenzionato di turno.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment