FAST FOOD LA RIVOLUZIONE VEGETARIANA

Assomiglia a un hamburger ma non è carne. Il fast food cambia e si mette al passo con nuove filosofie di vita. Bocconcini di pollo senza pollo, hot dog realizzati con soia e altre proteine vegetali. La ristorazione veloce per vegetariani è la nuova moda tra i parigini che non hanno tempo. Nella capitale si corre, tutti hanno fretta, e nonostante il “pranzo gastronomico francese” sia stato inserito nel patrimonio immateriale dell’Unesco, sembra che nessuno abbia più tempo per sedersi tranquillamente a tavola. I locali che vendono cibi pret-à manger rappresentano ormai un fatturato complessivo pari a 34 miliardi di euro, ovvero più della metà (54%) del totale della ristorazione.
La Fast Food Nation insomma è la Francia, che tra l’altro rappresenta il secondo mercato al mondo per McDonald’s. Qui si consumano oltre 2mila miliardi di panini ogni anno, con una predilezione per un classico nazionale: la baguette “jambon-fromage”, prosciutto cotto e formaggio, è il 62% del totale di sandwich venduti. Non tutto ciò che è veloce, però, fa male. O almeno così sostengono i promotori dei fast food vegetariani, rivisitando il concetto del locale take away.
Un anno fa ha aperto “East Side Burgers”. Insegna e arredo in stile americano, con classico menù: scelta tra quattro tipi di hamburger e patatine fritte. Carnivori astenersi. Il fast food vegetariano dell’undicesimo arrondissement è già un successo. Così come “Mob” che aveva aperto non lontano da qui, nel terzo arrondissement, ed è stato costretto dalla troppa clientela a cercarsi una sede più capiente. Da qualche giorno, “Mob” ha inaugurato i suoi nuovi locali nel tredicesimo arrondissement, presso la Città della moda e del Design affacciata sulla Senna e che, guarda caso, è tutta verde. “Mob” è un fast food vegano: oltre a non usare carne e pesce, le pietanze sono senza grassi animali. Nel cheeseburger, per intendersi, c’è un formaggio fatto con latte vegetale.
L’ideatore è Cyril Aouizerate, imprenditore cosmopolita di Tolosa, già autore degli alberghi trendy e low cost Mama Shelter, nel quartiere popolare Bagnolet a Parigi e poi a Marsiglia. Il primo “Mob” è stato aperto a New York, l’acronimo significa infatti “Maimonide of Brooklyn”. Anche qui una selezione di pochi panini tutti rigorosamente a base di proteine non animali. Secondo Aouizerate il fast food vegano è in qualche modo “universale”: si addice anche a chi mangia halal e kosher. Un altro storico
ristorante vegetariano della capitale, Bob’s Kitchen ha aperto una succursale, Bob’s Juice Bar, per la ristorazione veloce. Anche Loving Hut, che si rivendica 100% vegano, propone dei piatti take away, tra cui hamburger, spiedini e cotoletta panata.
D’altronde ormai con le proteine vegetali si riescono a fabbricare cibi che sembrano uguali a quelli dei carnivori: a Parigi c’è persino un cinese vegetariano, Tien Hiang, nel quale si servono zuppe di (finti) gamberetti. Certo, per adesso, si tratta di una nicchia di mercato. Ma in aumento.


Related Articles

ACQUA DELL’AMORE E ALTRE PAROLE DA PORTO ALEGRE

Ho avuto l’opportunità  di partecipare al Gruppo tematico Acqua, uno dei temi al programma del Forum sociale tematico di Porto Alegre (Brasile). Come capita spesso in questi incontri tra persone di continenti e di esperienze di vita differenti, si vivono dei momenti umani e culturali molto belli.

L’Amazzonia va in fumo per colpa di Bolsonaro e «imprese parassite»

Popoli indigeni e ambientalisti brasiliani lanciano una campagna per chiedere  al mondo di non comprare soia, carne, petrolio, legnami, pelli senza certificazione Deforestazione selvaggia, +40% anche nelle aree protette. E l’Italia importa più di tutti nell’Ue

«Moratoria di un anno sul nucleare»

Paolo Romani, ministro dello Sviluppo Economico (Ansa)

Paolo Romani, ministro dello Sviluppo Economico (Ansa)

La proposta approvata dal Consiglio dei ministri
Il ministro Romani: slittano le decisioni e la ricerca dei siti. I referendari: «Un trucco per confondere gli elettori»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment