Istat: boom di cooperative sociali in 10 anni

ROMA – Il settore della cultura e delle attività ricreative si conferma la naturale vocazione del non profit italiano, con oltre 195mila istituzioni pari al 65 per cento del totale nazionale. Segue il settore dell’assistenza sociale (che include anche le attività di protezione civile) con 25mila istituzioni (pari all’8,3 per cento del totale). Nel settore delle relazioni sindacali e rappresentanza di interessi sono attive 16mila istituzioni non profit, il 5,4 per cento del totale, valore vicino a quello dell’Istruzione e della ricerca, pari al 5,2 per cento (15mila istituzioni). Gli altri settori in cui questo tipo di organizzazioni sono attive comprendono l’ambito religioso (2,3 per cento), la filantropia e la promozione del volontariato (1,6 per cento), la cooperazione e la solidarietà internazionale (1,2 per cento) e altre attività (0,5 per cento).

Secondo l’indagine il settore di intervento è legato anche all’assetto istituzionale e alla struttura organizzativa. Le associazioni riconosciute, e quindi maggiormente strutturate, sono più diffuse nella Sanità (37 per cento) mentre quelle non riconosciute caratterizzano maggiormente i settori delle Relazioni sindacali e della rappresentanza di interessi (82 per cento), della Cultura, sport e ricreazione (73 per cento) e della tutela dei diritti e attività politica (71 per cento)

Il censimento sottolinea inoltre che le cooperative sociali operano soprattutto nei settori dello sviluppo economico e della coesione sociale, per l’inserimento dei soggetti svantaggiati ( in cui si rileva una presenza pari al 49 per cento), dell’assistenza sociale (17, 8 per cento) e della sanità (10 per cento). Le fondazioni sono relative più attive nei settori dell’istruzione e della ricerca ( 11 per cento) e della filantropia (9,9 per cento). In dieci anni le fondazioni hanno avuto un incremento del 102 per cento mentre le cooperative sociali del 98 per cento.


Related Articles

Prisoner Lives Matter

Nessuno pare preoccuparsi del fatto che dei 300 poliziotti partecipanti alla spedizione punitiva ne siano stati individuati solo 52. Intanto, tutti diventano improvvisamente garantisti, indicano il dito della privacy e oscurano l’evidenza della luna della violenza sistematica e sistemica nelle carceri

Monopolio nell’era Trumpcare: farmacie e assicurazioni si uniscono

La catena di farmaci Cvs rileva una delle più grandi compagnie assicurative statunitensi, la Aetna

Poveri record, un esercito di 6 milioni

Nel 2013 i poveri sono aumentati di 1,2 milioni, un quarto in più rispetto all’anno precedente. Ormai sono quasi uno su dieci La metà nel Mezzogiorno. L’indigenza si fa largo anche tra chi ha un reddito operaio e nelle famiglie con due figli

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment