Quando le regole cambiano in corsa

 Il sindaco di Firenze è oggi il leader più popolare d’Italia, forse l’unico, e sarebbe naturale che corresse per la carica di segretario del Pd con primarie aperte a tutti. Com’è stato per i suoi predecessori. Ma la probabile vittoria di Renzi in una gara è vista dall’apparato del Pd come una minaccia non solo e non tanto nei confronti del governo Letta, quanto nei confronti appunto della vecchia nomenclatura del partito. Si cerca dunque d’impedirla stratagemmi burocratici sostenuti da bizzarre teorie. Guglielmo Epifani sostiene che (questa volta, s’intende) il ruolo del segretario di partito debba essere nettamente separato da quello di candidato premier. La storia è davvero curiosa. Dopo essersi lamentati per vent’anni di non poter candidare il segretario del maggior partito di sinistra alla premiership, come avviene in tutte le democrazie del mondo, gli oligarchi del Pd ora vorrebbero stabilire per statuto che il segretario del partito non dev’essere il candidato alla guida del governo. Proprio adesso, si badi, che per la prima volta potrebbero esprimere un segretario candidato in grado di vincere. Nella frenetica ricerca di regole “contra personam”, gli ex segretari del Pd Bersani e Franceschini hanno proposto che (stavolta) siano soltanto gli iscritti a votare per il segretario. Proprio loro che quando erano candidati hanno ripetuto un centinaio di volte quanto le primarie aperte a tutti fossero meravigliose e irrinunciabili nei secoli dei secoli.
La trappola anti-Renzi comunque non è scattata per l’opposizione trasversale di buona parte del Pd. Non soltanto i renziani o i frondisti, alla Civati. Si sono opposti per esempio Cuperlo e Rosi Bindi, esponenti della corrente più minoritaria all’interno del centrosinistra, quella del buon senso. È probabile che le norme “contra personam” vengano riproposte alla prossima direzione, prevista fra una settimana. Con il rischio di spaccare ulteriormente il partito, oramai oltre i confini delle leggi fisiche. Nel grandioso dibattito sulle norme congressuali, rimane sullo sfondo e da definire il dettaglio della possibile reazione di otto milioni di elettori democratici. Ai quali finora sono stati inflitti nell’ordine una campagna elettorale disastrosa, il tradimento nei confronti del padre fondatore Prodi, un governo con Berlusconi escluso fino a un’ora prima, la conferma di un ministro dell’ Interno ritenuto incapace anche da se medesimo. L’eventuale esclusione dalla corsa per la segreteria del leader più popolare, Renzi, sarebbe la conclusione di un percorso suicida. Alla fine del quale per il Pd c’è il rischio di morire, e per giunta di morire democristiano.


Related Articles

Un limbo che favorisce gli attacchi al sistema

L’apparenza non è incoraggiante. Lo scossone provocato dalla sentenza della Corte costituzionale che l’altro ieri ha bocciato il cosiddetto Porcellum per il momento ha solo fatto riaffiorare le divergenze sulla riforma elettorale: dentro e fuori dalla maggioranza di governo.

L’uomo dell’sms: mi hanno offerto un incarico

MILANO — «Se il giudizio su di me era così negativo, e se rappresentavo un elemento del sistema Penati, perché Maran mi ha offerto un incarico in Comune?».

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment