Giornalisti nel mirino: «State con i Fratelli» Fermati e rilasciati quattro inviati italiani

Tutti e quattro sono stati rilasciati a metà pomeriggio e assistiti dall’ambasciata italiana al Cairo. Ecco il racconto di Gabriella Simoni: «C’è stata un’aggressione mentre stavamo lavorando intorno alla moschea El Fath in piazza Ramses. Ci hanno aggredito perché avevamo la telecamera». Come Simoni e Gianniti ieri sono stati minacciati in vario modo molti dei reporter presenti per riprendere, anche con semplici telefonini, l’assedio alla moschea. Cronisti francesi, l’inviato del Wall Street Journal , Matt Bradley e quello dell’Independent , Alastair Beach.
Clima ostile alla stampa internazionale fin dalla prima mattinata, quando nello slargo della moschea sono cominciati ad arrivare gli avversari dei Fratelli musulmani, alcuni dei quali armati di bastone. L’accusa, una specie di slogan rivolto ai giornalisti, come ha raccontato anche Gabriella Simoni, è di «fare come Al Jazeera», cioè, questa è l’equazione, di offrire un’informazione parziale, sbilanciata a favore dei Fratelli musulmani. I militari si sono fatti garanti della sicurezza dei giornalisti. Ha riferito ancora Gabriella Simoni: «La cosa più difficile, tecnicamente, l’ho provata quando sono stata bendata, messa su una macchina e trasportata in un luogo ignoto. Una cosa che non avevo mai provato e che dà una sensazione di fragilità e di impotenza incredibile. Ci hanno controllato tutti i documenti, tutte le dichiarazioni che abbiamo fatto e soprattutto i nostri telefonini, il materiale che avevamo girato. Nel frattempo si è mossa l’ambasciata. Sono stati rapidissimi».
Ieri sera, subito dopo il rilascio, Maria Gianniti ha raccontato agli ascoltatori di Radio Uno Rai : «Siamo stati fermati, ma poi fortunatamente la cosa si è risolta. Questo fa capire un po’ il clima di tensione che c’è a piazza Ramses. Siamo stati portati via dai militari perché si sono preoccupati per la nostra sicurezza. Un qualcosa di assolutamente improvviso e paradossale. Comunque siamo stati veramente trattati con i guanti bianchi. Siamo stati semplicemente interrogati e ci è stato chiesto che cosa stessimo facendo in Egitto».


Related Articles

Al confine con la Turchia tra i profughi siriani che dopo le proteste hanno subito le violenze dei soldati. Umiliati e feriti ma decisi a lottare

guvecci (Frontiera turco-siriana) – Non sono né disperati, né rassegnati. E da questa grande terrazza sul Nord della Siria, che è la provincia turca di Antiochia, guardano i villaggi da cui sono fuggiti con occhi asciutti, senza nostalgie. Semmai un sentimento alberga nei loro cuori, è la rivalsa, il desiderio ardente di tornare in Siria da vincitori, naturalmente dopo che Assad se ne sarà  andato. Per questo, più che profughi, i siriani che hanno trovato rifugio in Turchia sembrano piuttosto dei militanti che hanno deciso di continuare la loro lotta con altri mezzi, il telefonino che li mantiene collegati alla loro “rete” oltre confine, e con la parola, i racconti che aggiungono orrore ad orrore e sfidano le versioni edulcorate della propaganda di regime.

St. Louis, in scena una guerra di classe

Missouri. Una lettera al Time del noto campione di basket americano. Per molti in Ame­rica essere una per­sona di colore è sino­nimo di essere poveri, ed esseri poveri è sino­nimo di essere un cri­mi­nale

Chiesta la pena capitale per l’ex presidente Mubarak

Egitto /AL PROCESSO L’EX RAIS ARRIVA IN BARELLA. SENTENZA ATTESA PER MARZO

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment