Netanyahu: “Pronti ad agire da soli contro l’Iran”

NEW YORK — Pronti ad agire anche da soli. Dalla tribuna delle Nazioni Unite Benjamin Netanyahu attacca l’Iran e il nuovo presidente Rohani («un lupo travestito da agnello»), chiede alla comunità internazionale di mantenere le sanzioni e avverte che se dovesse essere necessario Israele è pronto a colpire militarmente il regime degli ayatollah. A 24 ore dall’incontro alla Casa Bianca con Obama, il premier israeliano rende in modo ancora più chiaro quanto aveva detto ieri — tra le righe e il dovuto atteggiamento diplomatico — anche al suo potente alleato a Washington. Netanyahu non crede che ci sia alcuna
svolta a Teheran («Hassan Rohani è come i suoi predecessori, un servitore leale del regime») e, dallo stesso podio in cui il presidente iraniano aveva aperto il “dialogo” con Usa e paesi occidentali, ricorda come dalla rivoluzione del 1979 si siano alternati in Iran «presidenti moderati e falchi, che hanno sposato e servito, tutti, lo stesso credo implacabile».
Da quando è stato eletto Rohani «il programma nucleare iraniano è proseguito senza interruzione» e i fatti dimostrano («perché un paese con miliardi in petrolio dovrebbe avere un programma nucleare a scopi pacifici?») che quello che l’Iran fa «contraddice completamente » quanto il nuovo presidente sostiene. Il regime degli ayatollah vuole che vengano cancellate le sanzioni, ma in cambio non ferma il suo programma nucleare (alla Casa Bianca Netanyahu aveva detto, portando anche prove da parte dell’intelligence israeliana, che il nucleare pacifico è un bluff), quindi secondo il premier israeliano per capire se quanto afferma Rohani è vero, sono necessarie queste condizioni: lo «smantellamento completo e verificabile» del programma nucleare: la fine dell’arricchimento dell’uranio, il trasferimento all’estero dell’uranio arricchito, lo smantellamento delle infrastrutture per l’arricchimento, la fine dello sviluppo di un reattore ad acqua pesante. In caso contrario «Israele è pronto ad agire da solo», perché sanzioni «dure e minaccia militare credibile» sono l’unica strada percorribile per fermare «pacificamente lo sviluppo del nucleare».
Con il suo intervento alle Nazioni Unite Netanyahu cerca di bloccare sul nascere un dialogo (tra Iran e Occidente) che agli occhi di Gerusalemme altro non è che un cedimento agli ayatollah in un momento in cui il regime iraniano è in grande difficoltà. Non va avanti neanche il disgelo tra Iran e l’altra potenza regionale islamica (Arabia Saudita). Rohani ha infatti respinto — su pressione dei falchi di Teheran — l’invito del re Abdullah a partecipare all’Hajj, il pellegrinaggio dei fedeli musulmani alla Mecca.


Related Articles

Il bavaglio di Putin

Dopo l’annessione della Crimea, Zar Vladimir gode in Russia di una popolarità e di un potere mai avuti. Lui ne approfitta per lanciare leggi sempre più liberticide. Così mette a tacere dissidenti, gay, cronisti e scrittori fuori dai ranghi. E il suo volto trionfa persino sulle t-shirt

I falchi del rigore stoppano Hollande “Non si rinegoziano i Trattati Ue”

Il presidente della Bundesbank frena sulle richieste francesi alla vigilia del summit di Berlino   Il timore di Weidmann è che il governo tedesco possa fare concessioni a Parigi”Dobbiamo respingere le proposte elettoralistiche di smontare l’accordo”

Francia, emergenza continua. Hollande vira a destra

Più di 2mila perquisizioni, chiuse tre moschee “radicali”. Pronta la riforma della Costituzione, stato d’emergenza di sei mesi, misure “transitorie” e fine dello jus soli

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment